Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

Cultura politica

Atei americani

Nella vita pubblica americana, è l’ateismo l’ultimo tabù? Non c’è un solo ateo in chiaro in Congresso, anche se si sospetta che ce ne siano una trentina nascosti. Recentemente l’ex-deputato Barney Frank si è dichiarato tale ma, appunto, dopo aver lasciato il seggio. Non ne ha mai parlato prima, dice, perché non era politicamente rilevante. Per anni ha prestato giuramento ignorando la formula “so help me God”, come è perfettamente […]

Continue Reading →

John Kennedy martire

I presidenti “martiri” sono quelli che teniamo in buona considerazione, e che ci sembrano promettenti di promesse tragicamente interrotte. Presidenti che hanno lasciato an unfinished business in momenti storici drammatici. Presidenti di cui continuiamo a chiederci (inutilmente) che cosa avrebbero fatto se fossero sopravissuti. Non basta essere assassinati in carica per raggiungere questo status. Per dire: chi si ricorda di James Garfield, ucciso nel 1881 da un questuante deluso e […]

Continue Reading →

La paralisi del governo federale e i vincoli della questione razziale

Il governo federale non funziona? Camera, Senato, Presidente – hanno agende inconciliabili? Nessuno dei due partiti è in grado di attuare il suo programma? Ogni compromesso sembra impossibile, o è considerato un tradimento? In politica interna così come in politica estera? C’è la paralisi, il gridlock? E’ forse colpa del ceto politico, spaccato o, come si suol dire, polarizzato secondo rigide linee ideologiche e partitiche? C’è anche questo. Democratici e […]

Continue Reading →

Come ti individuo il comunista

I comunisti, negli anni 1950s, come gli alieni nel film Invasion of the Body Snatchers, potevano nascondersi ovunque. Una volta i commies erano tipi barbuti e rozzi, sempre con le bombe nella borsa. Facilmente riconoscibili. Ora non più. Erano persone normali, provenivano dagli ambienti più diversi, da ogni mestiere e professione. Inoltre il partito comunista cercava di mimetizzarsi, di andare underground, per infiltrarsi meglio. Come identificarli? Per aiutare i suoi […]

Continue Reading →

Archeologia del “politicamente corretto”

Pubblicato sul blog Le parole e le cose del 23 gennaio 2015 Dall’inizio degli anni 1990s, nel discorso pubblico americano, i termini «politically correct» e «political correctness» fanno parte del lessico politico-ideologico della destra. Definivano (e definiscono) idee, atteggiamenti, approcci culturali conformi a una supposta ortodossia progressista – radical o liberal che sia, senza distinzioni troppo sofisticate – che sarebbero promossi dalla egemonia della sinistra nelle istituzioni, nelle scuole, nelle […]

Continue Reading →

«A history that doesn’t go away»: Obama, la razza e la storia

L’aveva già detto nel più articolato, complesso, profondo discorso del marzo 2008 – il discorso sulla razza, quello intitolato For a More Perfect Union. Lo ha ripetuto dell’intervento dell’altro giorno, inaspettato ma non improvvisato, nella sala stampa della Casa bianca – l’intervento sul caso di Trayvon Martin, sulla conclusione del processo a George Zimmerman, sulla pena e la rabbia nella comunità afro-americana. Come nel 2008, e più di allora, ha usato l’esempio della sua […]

Continue Reading →

Blues for Trayvon Martin

¶ Langston Hughes, Let America Be America Again, 1936  Let America be America again. Let it be the dream it used to be. Let it be the pioneer on the plain Seeking a home where he himself is free.      (America never was America to me.) Let America be the dream the dreamers dreamed— Let it be that great strong land of love Where never kings connive nor tyrants […]

Continue Reading →

La chiave americana della Bastiglia

Alcuni mesi dopo il fatidico 14 luglio 1789, il Marchese di Lafayette manda una delle chiavi della Bastiglia a George Washington. Sotto Washington, Lafayette ha combattuto nella rivoluzione americana – e ora è a capo della Guardia nazionale francese. Il 17 marzo 1790 scrive dunque all’ex-comandante di una precedente impresa rivoluzionaria, diventato nel frattempo il primo presidente dei nuovi Stati Uniti: «Consentitemi, mio caro Generale, di donarvi un disegno della […]

Continue Reading →

Non ci sono più gli ideali di una volta

Un intreccio casuale di piccoli fatti. Raccogliendo i vecchi giornali, ritrovo una intervista di Rossana Rossanda di qualche settimana fa: «Sì, certo appartengo al Novecento. […] Ma è stato un grande secolo, cosa che l’attuale non ha l’aria di essere. Abbiamo vissuto una storia terribile, ma una grande storia. Ora siamo nelle storielle». Un amico ha postato su Facebook, e io ho condiviso, Barbra Streisand che canta The Way We […]

Continue Reading →

Plunkitt e il Quattro di Luglio

Orazioni patriottiche, birra, fuochi d’artificio, cani e signori con il doppio cognome. Un’altra delle riflessioni dell’ex-senatore George Washington Plunkitt, il filosofo di Tammany Hall, pronunciate dalla sua tribuna – il chiostro di lustrascarpe del tribunale di contea di New York. Adattata da Plunkitt di Tammany Hall (1905), ETS 2010. Il patriottismo di Tammany Nessuno si cura più del Quattro di Luglio – tranne Tammany Hall e i ragazzini. Quando arriva il Quattro, i […]

Continue Reading →