Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

presidenza

La transizione presidenziale è in corso, a parte le chiacchiere

“C’è un sacco di retorica dura, durissima, ma dietro le quinte ci sono centinaia di funzionari che stanno lavorando alla transizione. … Stanno rispettando tutte le scadenze. Il Presidential Transition Act indica una serie di tappe intermedie nei sei mesi precedenti le elezioni giù giù fino a Election Day. E per ora ognuna di esse è stata rispettata”. Così ha detto il direttore del Center for Presidential Transition, un watchdog group, in una intervista del […]

Continua a leggere →

Dove vai, America? Intervista ad Arnaldo Testi (Parte I)

Pubblicato il 19 ottobre 2020 su Contrappunto (qui), il blog della Libreria Pellegrini a Pisa. Il prossimo 3 novembre si terranno le elezioni presidenziali negli Stati Uniti… Arnaldo Testi, per lungo tempo Professore di Storia degli Stati Uniti d’America qui a Pisa, ha cordialmente accettato di approfondire per Contrappunto alcuni temi caldi inerenti la Presidenza Trump e la prossima importante scadenza elettorale che, come per ogni passata elezione, non mancherà di […]

Continua a leggere →

What if… Se Trump contesta i risultati elettorali (appunti)

Con grandi volumi di voti per posta da contare e, in molti Stati, da contare per legge dopo il conteggio dei voti in presenza, Election Night può durare giorni, se poi ci fossero contestazioni e ricorsi anche settimane. Naturalmente ciò è non solo legittimo ma proprio scritto nelle procedure, lente, ancora semi-settecentesche. L’idea di avere il nome dell’eletto (dell’Eletto) in fretta, la notte stessa delle elezioni, è in buona sostanza una […]

Continua a leggere →

Il posto della presidenza Trump, e della presidenza Biden, nel grande disegno delle cose

Dice il polemista: siamo troppo fissati sulla personalità e sulla psicologia dei singoli presidenti, come se la carica non avesse una storia, nascesse ex novo dopo ogni elezione. Tendiamo a ignorare i fattori strutturali che plasmano una presidenza, la combinazione di convinzioni politiche e coalizioni sociali che stanno dietro una vittoria presidenziale, ovvero il sistema egemonico (cioè, fra virgolette, il “regime”) di interessi e passioni, ideologie, all’interno del quale il […]

Continua a leggere →

Rinviare Election Day? Missione improbabile

Donald Trump non può rinviare le elezioni presidenziali. Potrebbe farlo in qualche modo il Congresso, e se lo facesse, superando le incertezze e le complicatezze del caso, ciò potrebbe avere effetti piuttosto paradossali, tipo – una provvisoria presidenza Pelosi? “Crazy Nancy”? “That bad woman”? Ma è fantapolitica, almeno finché non diventa politica reale. La data delle elezioni non è faccenda che riguardi il presidente degli Stati Uniti. Essendo scritta non nella […]

Continua a leggere →

Roosevelt nel 1936: Sono un vero conservatore perché sono un liberale riformatore

Discorso del presidente Franklin D. Roosevelt alla convenzione statale del partito democratico, stato di New York, Syracuse, 29 settembre 1936. [E’ necessario ricordare che dire, nel 1936, “Abbiamo dimostrato che la democrazia funziona” era una sfida e non una constatazione? Mentre i regimi democratici crollavano uno dopo l’altro? E che scommettere sul riformismo sociale  del New Deal era appunto una scommessa? Mentre si parlava di crisi finale del capitalismo?] ¶ Abbiamo […]

Continua a leggere →

Candeggina! Che cosa ha veramente detto Trump

Alla conferenza stampa del 23 aprile scorso, il presidente Donald Trump ha parlato a vanvera, da quel mostro che è, ma non ha detto proprio quello che tutto il mondo, scandalizzato e oltremodo soddisfatto, gli imputa di aver detto. Vediamo un po’, dando un’occhiata alla trascrizione ufficiale (qui) della Casa bianca e anche, per ulteriore sicurezza, alla registrazione video (in calce ci sono i brani rilevanti del testo originale, qui c’è una […]

Continua a leggere →

Che cosa è una brokered convention e perché già ne parlano i Democratici

Se vuoi assicurarti la nomination presidenziale del tuo partito, ti conviene arrivare al congresso nazionale con la maggioranza assoluta dei delegati già impegnata a tuo favore. E’ ciò che accade di solito, ai nostri tempi. Tuttavia è possibile che quest’anno ciò non sia vero per il partito Democratico, dove ci sono troppi aspiranti candidati e un elettorato delle primarie che sembra strutturalmente frantumato. O almeno se ne comincia a parlare. […]

Continua a leggere →

Può il presidente degli Stati Uniti essere un organizzatore di movimenti popolari a sostegno del presidente degli Stati Uniti?

Puoi cominciare una piccola ricerca per un piccolo post avendo in mente un percorso e anche una conclusione (sono un paio di paginette di scrittura, dopo tutto, mica una cosa complicata), e invece ritrovarti a seguire direzioni impreviste, e magari a giungere a conclusioni che non solo non immaginavi ma anche che non desideri particolarmente? L’inizio è questo, il tema è questo: le centinaia di raduni e comizi che il […]

Continua a leggere →

L’impeachment dei presidenti moderni? Ma è un prodotto della moderna polarizzazione politica

Nella storia più che bisecolare degli Stati Uniti ci sono stati 13 presidenti nei confronti dei quali qualche membro della Camera dei rappresentanti ha chiesto formalmente l’impeachment. Di questi tredici, ben sette, cioè la maggioranza, sono presidenti della contemporaneità, da Richard Nixon in poi. A guardar bene sono quasi tutti i presidenti da Nixon in poi, con l’eccezione del mezzo presidente Gerald Ford e di quel sant’uomo di Jimmy Carter. Il […]

Continua a leggere →