Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

Americanismo

Perché l’uomo è cacciatore: turbamenti sessuali americani del secolo scorso

Si parlava molto di sesso nella International Room delle case dello studente a Madison, Wisconsin, nei primissimi anni 1970s. Se ne parlava, voglio dire, fra noi maschi stranieri, soprattutto se provenienti dal mondo mediterraneo. Un libretto dell’università a noi destinato (fra di noi si diceva, con sarcasmo poco politicamente corretto, destinato a noi stranieri “appena usciti dalla giungla”) ci spiegava, fra tante altre cose, che le ragazze americane sono cordiali […]

Continue Reading →

La democrazia in America di Kurt Vonnegut – e, più modestamente, la mia

Il video clip è qui. E’ il 13 settembre 2005. Un affaticato Kurt Vonnegut è ospite del Daily Show di Jon Stewart per promuovere il suo libro A Man Without a Country (tradotto l’anno dopo per minimum fax come Un uomo senza patria). Sono passati un paio d’anni dall’inizio della guerra americana in Iraq e l’ultraottantenne scrittore (1922-2007) dice la sua contro la guerra stessa e la retorica dell’esportazione della […]

Continue Reading →

In Giappone: le elezioni e la Costituzione pacifista e americana

Pubblicato anche su rivistailmulino.it del 30 ottobre 2017 Alle elezioni politiche di domenica 22 ottobre il primo ministro del Giappone Shinzo Abe ha vinto alla grande, il suo Partito Liberale Democratico (conservatore) ha ottenuto una bella maggioranza alla Camera dei rappresentanti, e una delle cose che spera di fare subito è rivedere la clausola pacifista della Costituzione. In modo da rendere esplicita la legittimità delle forze armate che già esistono, […]

Continue Reading →

E l’architettura schiavista americana? Tranquilli, è diventata una attrazione turistica

Insomma, adesso gli americani vogliono anche imporci di abbattere la nostra migliore architettura razionalista, solo perché è stata disegnata durante il periodo fascista? E quindi è, o sarebbe, fascista? Nella loro furia anti-storica attaccano a casa loro i monumenti di un passato controverso e vorrebbero farlo anche in casa d’altri? Vogliono esportare l’iconoclastia così come vogliono esportare la democrazia, addirittura persino, come sembra concludere Fulvio Irace sul Sole 24 Ore? […]

Continue Reading →

Trump, il lato oscuro dell’America

Pubblicato su ytali.com del 5 settembre 2017 Se non avesse il suo lato oscuro, la società americana non sarebbe una società di esseri umani. E infatti, come tutte le congregazioni umane del mondo, ce l’ha e con una storia ben tracciabile. Tracciarne la storia in maniera rapida ed efficace è il lavoro di Teodori in “Ossessioni americane. Storia del lato oscuro degli Stati Uniti” (Marsilio, agosto 2017, 160 pp.) nel […]

Continue Reading →

1917: l’alba del “secolo americano”

Una versione diversa, più breve sarà nel numero 126 de “Il Grandevetro” Fra gli eventi straordinari che nel 1917 irrompono nella nostra storia, annunciando una nuova epoca carica di promesse di cambiamento, di speranze di pace, di enormi sconvolgimenti, di terribili violenze, c’è l’ingresso nella Grande guerra degli Stati Uniti d’America. Quando il Congresso di Washington, il 6 aprile di quell’anno, dichiara guerra alla Germania, anzi al governo imperiale tedesco, […]

Continue Reading →

“Italiano? Lo sapevo che non eri bianco!”

Samuele F.S. Pardini, In the Name of the Mother: Italian Americans, African Americans, and Modernity from Booker T. Washington to Bruce Springsteen (Dartmouth College Press, 2017). Di questo bel libro, con una bellissima foto di copertina, pubblico la prima pagina dell’Introduzione e l’ultimissima pagina del testo. Quello che sta nel mezzo potete leggerlo qui. Samuele, prima delle cose che è diventato dopo (è professore associato a Elon University), è stato un […]

Continue Reading →

I vecchi Populisti non erano anti-intellettuali, i populisti nuovi invece sì

Basterà leggere nel “Programma di Omaha” del 1892 che i Populisti del People’s Party intendevano restituire il governo della repubblica a “the plain people”, alla gente semplice a cui il governo stesso avrebbe dovuto appartenere, per scovare in loro i segni dell’anti-intellettualismo? Questo sembra improbabile. L’intenzione non era ostile agli intellettuali o alle persone colte. Rispecchiava piuttosto la tradizione di una democrazia non pedagogica che si fondava sul common man, il […]

Continue Reading →

Letture. Luciana Castellina in Amerika (1973)

Luciana Castellina, Che c’è in Amerika?, con una prefazione di Lucio Magri e tre interviste a Herbert Marcuse, Paul Sweezy e Noam Chomsky, Bertani editore, Verona, 1973. Ho ritrovato questo mio vecchio libro su in alto, nell’ultimo piano dello scaffale, nascosto in seconda fila, un documento di tanto tempo fa, dei tempi delle elezioni presidenziali del 1972, del tentativo “neopopulista” (ma guarda un po’) di George McGovern e della seconda vittoria […]

Continue Reading →

Letture. Una comunista americana a Mosca, ottanta anni fa, nel 1937 delle purghe staliniane

Peggy Dennis (1909-1993) è una attivista e dirigente del Communist Party USA per gran parte della sua vita e della vita più intensa del partito, dagli anni 1920s alle dimissioni nel 1976. Nasce a New York come Regina Karasick, figlia di immigrati ebrei russi, rivoluzionari e socialisti. E’ la compagna di vita di Eugene Dennis, che diventa segretario generale del CP-USA dal 1945 al 1959. Fa un po’ di conti […]

Continue Reading →