Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

Americanismo

Antiamericanismi 

Com’è inevitabile per ogni grande potenza che si rispetti, quando è davvero grande per potenza materiale ed egemonica per potenza culturale, anche gli Stati Uniti incontrarono fuori dai loro confini grandi sentimenti di ammirazione, imitazione, adulazione (incantamenti in parte derivanti dal famoso soft power, dalla nuova dottrina Monroe, la dottrina Marilyn Monroe) – ma anche grandi resistenze, ostilità, repulsioni. Era capitato alla Francia e alla Gran Bretagna nelle loro fasi imperiali […]

Continua a leggere →

Cancel culture prima della cancel culture? Due monumenti americani rimossi dal Congresso nel 1958

I monumenti vanno e vengono, cambiano significato nel tempo, sono eretti e poi rimossi, e non sono neanche necessarie le mobilitazioni esistenziali e politiche dei nostri anni inquieti perché ciò accada. Cose così sono successe prima della cosiddetta “cancel culture” contemporanea, per motivi in parte simili e in parte no a quelli contemporanei, con azioni simili a quelle di oggi – cioè con spinte dal basso e decisioni dall’alto della […]

Continua a leggere →

Lezioni vietnamite per Kiev e lezioni americane per la Russia

La domanda posta da Daniele Archibugi qui sul Manifesto, “Lezioni vietnamite per Kiev”, è importante. Perché gli ucraini non fanno come fecero i dirigenti nordvietnamiti mezzo secolo fa? Perché non cercano alleati alla loro causa nell’opinione pubblica del paese aggressore (allora gli Stati Uniti, oggi la Russia)? Come altri della mia generazione, quella che aveva vent’anni ai tempi dell’offensiva del Tet e del processo ai Chicago 7, è da settimane […]

Continua a leggere →

Proibito! I Puritani (del Seicento) contro il Natale

I Puritani americani, quelli veri, quelli del Seicento, non quelli di oggi che non esistono, sono solo una scolorita e superficiale metafora di chi ripete stereotipi, in un paese che nel suo complesso non ha mai avuto nulla di puritano, e che anche là dove lo fu non lo è più da secoli, da prima della rivoluzione, e che sta diventando sempre più cattolico semmai – ecco, i Puritani del […]

Continua a leggere →

Quando l’Europa ci rubò il Natale: uno scandalo inventato (appunti da Facebook)

Compagni calma e gesso! La Commissione europea non ha abolito il Natale, e neanche gli auguri di Natale. La commissaria competente ha solo suggerito delle linee-guida interne per i propri funzionari impegnati nella comunicazione istituzionale. Roba di buona educazione nell’uso del linguaggio, quando ci si rivolge a un pubblico con tante diversità in modo che tutti possano sentirsi a casa, non ignorati o esclusi. E’ un lavoro che fanno tutte le istituzioni, in particolare […]

Continua a leggere →

Teodoro Roosevelt in Italia, un romance a puntate: 02. Affrontare un attentatore

Quando il trasatlantico Hamburg finalmente arrivò a Napoli, e ciò avvenne lunedì 5 aprile 1909 nel primo pomeriggio, a dissolvere le ultime ombre contribuì una chiacchierata con il cameriere che aveva servito a tavola Roosevelt durante la traversata. Evidentemente ne sapeva più di tutto il mondo ufficiale, e giornalistico. «Voi avete avuto l’onore di servirlo, nevvero?» «Sì. Mi ricorderò sempre di lui e del suo buon umore. Veniva a tavola due volte […]

Continua a leggere →

Teodoro Roosevelt in Italia, un romance a puntate: 01. Problemi telegrafici e anarchici italiani

«Roma, 31 marzo [1909], notte. Il sindaco di Roma Ernesto Nathan, a mezzo del telegrafo senza fili, ha inviato a bordo del piroscafo, sul quale viaggia l’ex-Presidente degli Stati Uniti, il seguente marconigramma: A Teodoro Roosevelt, degno successore di Giorgio Washington e di Abramo Lincoln, campione di verità e di integrità indomita, Roma, anima dell’Italia Unita, salutando il suo avvicinarsi attraverso l’Oceano manda il più amichevole benvenuto. Anche l’ambasciatore degli […]

Continua a leggere →

Promemoria per il ventennale dell’11 settembre 

Per prima cosa, ricorderei una banalità: gli anniversari vanno usati con prudenza, in particolare da chi ha responsabilità di governo e se ne serve per prendere decisioni di governo, per dare loro rilevanza simbolica. Non sempre le cose vanno nel verso giusto. Negli ultimi mesi il presidente Biden ha fatto del ventennale dell’11 settembre 2001 un uso imprudente, proponendolo con largo anticipo e con gran boria come momento simbolico positivo di chiusura di un […]

Continua a leggere →

Non si può più dire niente! Quando Hollywood era politicamente corretta

Correct standards of life, subject only to the requirements of drama and entertainment, shall be presented.   V.  Profanity (1) No approval by the Production Code Administration shall be given to the use of words and phrases in motion pictures including, but not limited to, the following: Alley cat (applied to a woman); bat (applied to a woman); broad (applied to a woman); Bronx cheer (the sound); chippie; cocotte; God, […]

Continua a leggere →

Podcast #3: Gli italiani di New York alla guerra delle statue

Nelle guerre sui monumenti, negli Stati Uniti, non si parla solo di distruggere e cancellare, di buttar giù vecchie statue – ma anche di costruire, di innalzarne di nuove. Sempre guerre sono, ma un po’ meno sanguinose. Perché alla fine lo spazio è tanto e insomma, c’è posto per tutti. L’autunno scorso, a Battery Park City, sulla punta di Manhattan, è stato inaugurato il Mother Cabrini Memorial. Questo podcast vi racconta la storia. Oppure cliccate qui:

Continua a leggere →