Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

George W. Bush va in moschea subito dopo l’11/9: “Islam is peace”

20010917-11-2Il 17 settembre 2001, pochi giorni dopo l’11 settembre, il presidente George W. Bush visita il Centro Islamico di Washington, D.C., una delle prime moschee costruite negli Stati Uniti. Questa è una traduzione affrettata dei suoi remarks, del suo breve discorso. Il testo inglese è qui.

Grazie molte a tutti per la vostra ospitalità. Abbiamo appena avuto un’ampia discussione sulla questione che ci preme. Come le persone che stanno qui con me, il popolo americano è sconvolto e indignato dagli attacchi di martedì scorso. E così lo sono i musulmani in tutto il mondo. Gli americani, gli amici e cittadini musulmani, i musulmani di altre nazioni sono altrettanto sconvolti e increduli di ciò che abbiamo visto in televisione.

Questi atti di violenza contro innocenti violano i principi fondamentali della fede islamica. Ed è importante che i nostri concittadini lo capiscano.

La traduzione inglese non è eloquente come l’originale in arabo, ma vorrei citare proprio dal Corano: sul lungo periodo, il male estremo segnerà la fine di coloro che fanno il male. Perché hanno rifiutato il messaggio di Allah e lo hanno messo in ridicolo.

La faccia del terrore non è la vera faccia dell’Islam. L’Islam non è questo. L’Islam è pace. Questi terroristi non rappresentano la pace. Rappresentano il male e la guerra.

Quando pensiamo all’Islam pensiamo a una fede che dona conforto a un miliardo di persone nel mondo. Un miliardo di persone vi trova conforto e consolazione e pace. E ciò rende fratelli e sorelle persone di ogni razza – di ogni razza.

L’America conta milioni di musulmani fra i suoi cittadini, e i musulmani danno un contributo incredibilmente prezioso al nostro paese. Sono dottori, avvocati, professori di diritto, militari, imprenditori, negozianti, madri e padri. E devono essere trattati con rispetto. Nel momento dell’emozione e della rabbia, i nostri compatrioti devono trattarsi l’un l’altro con rispetto.

Le donne che si coprono il capo in questo paese devono sentirsi a loro agio quando escono di casa. Madri che portano il velo non devono essere intimidite in America. Questa non è l’America che conosco. Questa non è l’America che mi è cara.

Mi dicono che alcune hanno paura a uscire di casa; alcune non vogliono andare a fare la spesa per la famiglia; alcune non vogliono fare le normali commissioni quotidiane perché, portando il velo, temono di essere intimidite. Ciò non dovrebbe essere tollerato e ciò non sarà tollerato in America.

Chi pensa di poter intimidire i nostri concittadini per scaricare la sua rabbia non rappresenta il meglio dell’America, rappresenta il peggio dell’umanità, e dovrebbe vergognarsi di comportarsi così.

Questo è un grande paese. E’ un grande paese perché condividiamo i medesimi valori di rispetto e dignità e umanità. Ed è un onore per me incontrare questi leader che provano i miei stessi sentimenti. Sono indignati, sono tristi. Amano l’America tanto quanto l’amo io.

Voglio ringraziarvi per avermi dato la possibilità di venire a trovarvi. E che Dio ci benedica tutti.

Categories: Cultura politica, Immigrazione, violenza

Tags: , , ,

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s