Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

Uncategorized

Gatto Dado e la democrazia di prima (apologo)

Ormai un mese fa abbiamo trasferito le ciotole con i crocchini dei gatti dal balcone esterno a un localetto interno (venivano i piccioni a far lauti pasti, portavano anche i parenti più lontani). Gatto Dado continua a non darsene pace, all’ora dei pasti si fionda sul balcone e lì si siede in attesa, miagolando affamato. Virilmente cocciuto. Nel frattempo le ciotole interne si riempiono di crocchini rumorosi, da far drizzare […]

Continue Reading →

My failed encounter with the first feminist restaurant in America, with a short history of Mother Courage Restaurant (1972-1977)

It was the days around New Year’s Eve 1977-1978, in New York City. With E., who had just flown in from Italy, we decided to dine at a restaurant whose magazine listing said “for feminists and their friends” (and we are friends, aren’t we?), where conversation bounces from table to table and is more interesting than food (well, you cannot have it all). The address was W. 11th Street, in […]

Continue Reading →

Esperienze di vita, non faccende teoriche: i miei 2 cents a margine del putiferio sulla famosa risoluzione del Parlamento europeo

E’ ovvio che la guerra anti-fascista l’hanno vinta “anche” i sovietici (in particolare in Europa), e con milioni di morti civili e militari, e che il dio della storia li benedica. Dopodiché considerare un elementare dato esistenziale, e cioè che molti europei, nostri concittadini, hanno avuto la sfiga di essere liberati direttamente dall’Armata Rossa e di averne patito le conseguenze per quarant’anni, e magari se la son legata al dito […]

Continue Reading →

Notizie da un altro mondo (Veltroni & Renzi, guardando vecchi post di FB, che ormai è un archivio storico)

Notizie da un altro mondo, guardando e copiando due o tre miei vecchi post di Facebook, ovviamente non americani (con FB che ormai mi è diventato una specie di archivio storico) Veltroni aveva avuto un’idea di partito di qualche respiro, non subalterna al passato. Era un’idea, una “visione” come diciamo noi americani, che richiedeva un po’ di fatica, e di pazienza, palesemente inadatta a dirigenti e militanti restii alle contaminazioni […]

Continue Reading →

Il mito di Lucrezia e l’idea di repubblica – un commento di Luciana Piddiu

Una vecchia amica, Luciana Piddiu, ha scritto queste note di commento al libro di Silvia Panichi, Roma antica e la nuova America (Donzelli 2018) e al mio post di qualche settimana fa, Il mito di Lucrezia e l’idea di repubblica (vedi qui). Le condivido con grande piacere.  LUCREZIA, di Luciana Piddiu Nella sua riflessione sul libro di Silvia Panichi “Roma antica e la nuova America”, Arnaldo Testi sottolinea come nell’opera di […]

Continue Reading →

Banali considerazioni sui crocifissi nei luoghi pubblici non religiosi

(Nella fotografia: Michelangelo Pistoletto, Il Tempo del Giudizio, Sala delle Baleari, Palazzo Gambacorti, sede del comune di Pisa, l’estate scorsa 2018. La Sala delle Baleari contiene tre grandi affreschi della fine del Seicento che rappresentano tre vittorie della Repubblica di Pisa: la conquista di Gerusalemme durante la Prima Crociata, la conquista della Sardegna e la presa delle isole Baleari, strappate entrambe ai Saraceni nel 1115. L’istallazione di Pistoletto, concepita nel […]

Continue Reading →

Una dichiarazione di emergenza nazionale?

Per drammatizzare il clima di allarme-migranti che ha pervaso il suo discorso televisivo alla nazione, Donald Trump ha visitato di persona un pezzo di frontiera con il Messico. E ha lasciato intendere che avrebbe potuto costruire il muro a modo suo, superando il blocco provocato dalla paralisi politica del Congresso (e dal conseguente shutdown): trasferire d’autorità al finanziamento del muro stesso dei fondi destinati ad altri scopi, per esempio per […]

Continue Reading →

La crisi dello shutdown non ha una soluzione costituzionale (dal manuale del piccolo costituzionalista)

La crisi del governo degli Stati uniti, che ha portato allo shutdown dell’apparato federale, ha radici profonde, built-in nella stessa Costituzione del paese. La parola chiave, facilmente ricavabile dal manuale del piccolo costituzionalista, è separazione dei poteri. E la conclusione è netta: a una crisi di questo tipo non esiste una soluzione costituzionale. La Costituzione non ci ha pensato. La Costituzione, d’altra parte, potrebbe ben dire, come il procace cartoon […]

Continue Reading →

I copricapi sono riammessi alla Camera dei Rappresentanti dopo 180 anni, ma solo se simboli religiosi?

Sembra che la nuova leadership democratica della Camera del rappresentanti, con l’accordo di Nancy Pelosi, che diventi Speaker o meno, abbia intenzione di abolire o meglio “chiarire” il significato della vecchia regola che vieta ai deputati di indossare qualunque tipo di cappello mentre sono in aula (nulla vi si dice a proposito dei toupet). Sarebbe quindi consentito l’uso di copricapi per ragioni mediche o di tipo religioso. Per dire, chi […]

Continue Reading →

Le fantasie di Trump sulle frodi elettorali? Gliel’ha raccontate George Washington Plunkitt

Ho trovato la fonte delle fantasie di Donald Trump sulle frodi elettorali. Sicuramente gli hanno raccontato di George Washington Plunkitt senza dirgli che è roba di cent’anni fa e che comunque il vecchio George era uno sbruffone, un narratore divertito di tall tales. Il presidente (fa un po’ senso doverlo chiamare così), in una intervista al sito conservatore Daily Caller, quello di Tucker Carlson, ha sparato la sua solita valanga […]

Continue Reading →