Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

L’albero della storia degli Stati Uniti

Questo è l’albero della storia degli Stati Uniti (qui in una edizione degli anni 1850s, ma la prima è del 1828) secondo l’organizzazione temporale che ne da Emma Willard e che, grosso modo, è ancora la nostra. Il tempo lungo è diviso in parti. La prima parte copre la scoperta e i primi insediamenti coloniali fino alla metà del Seicento, la seconda parte la colonizzazione e le guerre franco-indiane fino al 1763, la […]

Continua a leggere →

Tutti populisti: Lawrence Ferlinghetti, Populist Manifesto, 1976

Pochi versi qua e là, tradotti un po’ così, da “Populist Manifesto”, una poesia di Lawrence Ferlinghetti dal suo libro, Who Are We Now? (New Directions, 1976). Per il resto, sotto c’è il testo completo in inglese. Poeti, uscite allo scoperto, aprite le finestre, aprite le porte, vi siete nascosti troppo a lungo nei vostri mondi chiusi. Scendete, scendete dalle Russian Hills e Telegraph Hills dalle Beacon Hills e Chapel […]

Continua a leggere →

Woody Sez: Dear Mrs. Roosevelt, a Franklin piaceva Stalin (1948)

Woody Guthrie piange la morte di Roosevelt (avrà avuto in mente Whitman che piange Lincoln, O capitano mio capitano?). Lo fa – secondo il sito ufficiale woodyguthrie.org (qui) – tre anni dopo il luttuoso evento, nel 1948, un po’ a freddo dunque e probabilmente per ragioni strettamente di politique du jour. Lo fa fingendo di scrivere una lettera a “Dear Mrs. Roosevelt”, a Eleanor, invitando lei a non piangere: i […]

Continua a leggere →

La curiosa origine (comunista) dell’eccezionalismo americano

L’American exceptionalism di cui da qualche tempo si sente parlare nel dibattito pubblico americano, come invenzione linguistica non ha niente a che fare con la divina provvidenza.  Ha tutto a che fare con Giuseppe Stalin.  Non deriva dall’idea dell’America come “città sulla collina” in missione per conto di Dio, idea evocata con altri fini da un colono puritano di inizio Seicento, sconosciuta ai più fino alla metà del Novecento, ri-scoperta a Harvard negli anni della […]

Continua a leggere →

Libertad y justicia para todos

Pubblicato su rivistailmulino.it del 27 gennaio 2021  Forse è la lingua spagnola che da un tono militante e arruffa-popolo a certe affermazioni, ma no, “libertad y justicia para todos” non è uno slogan chavista o peronista. La frase intera che Jennifer Lopez ha gridato durante la sua performance per l’insediamento del presidente Biden, e cioè  “una nación bajo Dios, indivisible, con libertad y justicia para todos”, in effetti con un bel […]

Continua a leggere →

La presidenza Trump e i cicli storici della “nazione di immigrati”

Questo è un breve estratto del mio saggio lungo (dallo stesso titolo) pubblicato nel fascicolo corrente de “il Mulino” (6/2020), in un blocco di pezzi dedicato a “Gli USA dopo Trump”.  Gli altri articoli inclusi nel blocco sono: Tiziano Bonazzi, L’altra faccia del «Make America Great Again»; Massimo Faggioli, Il secondo presidente cattolico e la crisi religiosa negli Stati Uniti; Marco Mariano, La politica estera di Donald Trump e la sua eredità; Chiara Bologna, «Parlare […]

Continua a leggere →

Appunti. L’amministrazione Biden-Harris, rooseveltiana e populista

L’amministrazione Biden-Harris ha un compito enorme, e lo sa. Lo sa a giudicare da quello che i suoi esponenti dicono, da quello che promettono di fare, dal tipo di personale di governo che hanno reclutato. Lo sa a giudicare dal barrage di ordini esecutivi annunciato per le prime ore, per i primi giorni, che deve lanciare un messaggio immediato di discontinuità, di rapido cambiamento. Lo sa a giudicare dalle prime proposte legislative da inviare […]

Continua a leggere →

La libertà religiosa come causola di pace civile, e l’incredulità all’americana come utile fondamento di libertà religiosa (riflessioni di un cattolico, 1960)

Esce oggi il libro di John Courtney Murray, Noi crediamo in queste verità. Riflessioni cattoliche sul “principio americano” (Morcelliana, 2021), a cura e con introduzione di Stefano Ceccanti. Si tratta della riedizione della prima traduzione italiana (1965, di Carlo De Roberto) del testo originale, We Hold These Truths: Catholic Reflections on the American Proposition (1960). L’autore, John Murray (1904-1967), è un autorevole (e controverso) gesuita americano, teologo e filosofo, che scrive di liberà religiosa […]

Continua a leggere →

La caduta di un regime (non di quello democratico)

Gli Stati Uniti sono agli sgoccioli di un regime, e non parlo del regime costituzionale liberal-democratico (credo che per quello bisognerà aspettare ancora), bensì del regime politico-sociale repubblicano conservatore nato all’incirca mezzo secolo fa. Che quel regime finisca con disordini sociali e spasmi istituzionali non dovrebbe sorprendere, è già successo in altri passaggi cruciali del passato. Che disordini e spasmi abbiano le caratteristiche specifiche che abbiamo visto in questi giorni, […]

Continua a leggere →

Il “romance” delle transizioni presidenziali

Ma insomma, nella storia americana, ci sono state transizioni presidenziali altrettanto narrativamente avvincenti di questa (guardandola dalla Luna, a distanza emotiva e politica di sicurezza, contando che la fine sia nota)? Che forniscano materiali per un romanzo, o magari un romance, delle transizioni? Così drammatiche per le condizioni generali del paese, tipo la peggiore pandemia mondiale da un secolo a questa parte? E così imprevedibili e rischiose per i comportamenti e il carattere […]

Continua a leggere →