Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

Un Tea Party di sinistra per il partito democratico

E così, alla lunga, il vecchio Tea Party repubblicano sta facendo scuola sul fronte opposto, fra i nuovi progressisti democratici. In entrambi i casi, a scatenare le passioni, c’è voluto un presidente intensamente odiato e ritenuto pericoloso. Il movimento del Tea Party aveva ottenuto dei risultati importanti con le sue tattiche politiche e organizzative. Galvanizzato dalla radicale ostilità a Barack Obama, da una parte aveva mobilitato gli elettori più conservatori […]

Continue Reading →

Appunti. Perché molti americani bianchi hanno votato Trump – contro i loro interessi?

Perché  elettori bianchi non ricchi e magari in difficoltà economiche hanno votato per Trump, pur sapendo che con questo voto avrebbero probabilmente perso i benefici dell’Affordable Care Act, cioè di Obamacare, cioè di un’assicurazione sanitaria tutto sommato decorosa e a buon mercato? Perché, insomma, hanno votato contro i loro interessi? Un recente articolo su Forbes (qui), il business magazine famoso per la lista dei miliardari più miliardari d’America e del […]

Continue Reading →

Come ti individuo il gay che vuol fare l’agente della Cia

Ancora nel 1980 la Cia non voleva omosessuali fra i suoi agenti. Con ogni probabilità temeva che, se scoperti, potessero essere ricattati da servizi di intelligence ostili. Naturalmente, se gli omosessuali fossero stati apertamente tali, nessuno avrebbe potuto ricattarli e il problema si sarebbe risolto da sé – ma tant’è, magari i tempi non erano ancora maturi per nessuno. L’agenzia faceva quindi di tutto per individuarli ed escluderli al momento […]

Continue Reading →

Noi, il popolo americano – cioè?

C’è nel presente e nel passato degli Stati Uniti, nella tradizione della loro vita pubblica, anche troppo evidente il culto retorico del popolo (vedi uno sketch satirico del Daily Show, quando ancora c’era Jon Stewart, nella seconda parte di questo video). Questi  sono appunti di riflessione sul significato di “popolo” nella storia americana, forse un po’ troppo densi e accademici per un blog – ma tant’è. Il culto retorico del popolo non sorprende […]

Continue Reading →

RIP ovvero la politica dello scandalo: come abbattere un avversario politico e vivere felici

Vuoi abbattere un avversario politico? Impedirgli di esistere, tanto più di governare? Più della politica elettorale è efficace la politica dello scandalo. La formula vincente è: rivelazione (giornalistica), indagine (parlamentare), azione penale (dei procuratori), cioè “revelation, investigation, prosecution”, cioè RIP – riposa in pace. Ogni tanto mi tornano in mente questi appunti di molti anni fa, un quarto di secolo fa, per essere precisi. Sono tratti da un libro del […]

Continue Reading →

Le Tre Leggi Generali della Politico-Dinamica della Seconda Repubblica (Ted Lowi , 1931 – 17 febbraio 2017)

Ted Lowi è stato un grande scienziato politico, un enfant prodige e un leader nella professione, per decenni un carismatico insegnante a Cornell University. Incollo qui sotto un paio di pagine da un suo libro degli anni ottanta che stavo riguardando proprio l’altro giorno, Theodore J. Lowi, The Personal President: Power Invested, Promise Unfulfilled (Cornell University Press, 1985). ¶ I cambiamenti che si sono accumulati nel governo nazionale dagli anni […]

Continue Reading →

Trump è un presidente populista dimezzato

Perché Donald Trump è così ossessionato dai numeri da farne oggetto di tweet bizzarri e di bizzarre divagazioni in discorsi ufficiali su tutt’altre faccende? Perché è ossessionato dalle dimensioni delle (scarse) folle che lo acclamano, all’Inauguration Day o quando attraversa una qualche città? E soprattutto, perché è ossessionato dai suoi risultati elettorali, sufficienti fra i grandi elettori presidenziali (e infatti là siede) ma deludenti fra gli elettori comuni, i cittadini? […]

Continue Reading →

Letture. Il mattatoio di Dresda, 13-15 febbraio 1945

Kurt Vonnegut, Slaughterhouse-Five, 1969  Fra il 13 e il 15 febbraio del 1945 quattro raid aerei alleati, britannici e americani, rasero al suolo Dresda, la bruciarono con bombe incendiarie, uccisero 25.000 persone (la cifra è oggetto di feroci controversie). Sotto le bombe c’erano anche dei prigionieri di guerra americani, alcuni si salvarono perché erano stati rinchiusi in uno dei mattatoi della città. Uno dei salvati era Kurt Vonnegut, che divenne […]

Continue Reading →

Il Black History Month di Donald Trump

Febbraio è Black History Month e quindi l’altro giorno, per rimarcare l’occasione, il presidente Trump, come tutti i presidenti prima di lui, ha tenuto un piccolo evento pubblico alla Casa bianca (vedi qui la trascrizione delle sue parole), circondato da alcuni collaboratori afro-americani. E’ entrato subito nel vivo dell’argomento: “Le elezioni, sono riuscite piuttosto bene. La prossima volta triplicheremo i numeri o li quadruplicheremo, giusto? Vogliamo arrivare a sopra il […]

Continue Reading →

Appunti. A un secolo dal 1917 – i 365 giorni che sconvolsero il mondo

In un articolo di divulgazione che potete leggere qui, lo storico Adam Tooze ripercorre gli eventi decisivi del 1917, l’anno fatale di cui in un modo o nell’altro parleremo molto in questi mesi. Il titolo è attraente e azzeccato, 1917 – 365 Days That Shook the World, evoca il fatto che non solo di rivoluzioni russe, soprattutto di quella sovietica bolscevica, si deve parlare in occasione del centenario, ma anche […]

Continue Reading →