Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

As a Black man, to use language that spoke to all Americans: I understood the risks.

Barack Obama, A Promised Land, Viking, 2020 (Kindle edition, 159-60, 163-164) I wanted to be neither a supplicant, always on the periphery of power and seeking favor from liberal benefactors, nor a permanent protester, full of righteous anger as we waited for white America to expiate its guilt. Both paths were well trodden; both, at some fundamental level, were born of despair.  No, the point was to win. I wanted […]

Continua a leggere →

Hanno preso più voti di John Kennedy? Bella forza

E’ ben giusto enfatizzare che, in queste elezioni presidenziali del 2020, il numero di cittadini che ha votato è stato altissimo, e che il tasso di affluenza alle urne toccherà probabilmente un record storico, inaudito dall’inizio del Novecento, più di un secolo fa. E’ anche giusto sottolineare che sia il vincitore Joe Biden che quell’altro, il secondo arrivato, il loser, hanno preso una quantità di voti impressionante. Basta non esagerare […]

Continua a leggere →

Alexandria Ocasio-Cortez e il Partito

In una lunga intervista al New York Times (qui) di qualche giorno fa, Alexandria Ocasio-Cortez dice, fra le tante, un paio di cose che vorrei sottolineare perché mi sembrano interessanti – sul ruolo suo e della sinistra dentro il partito democratico.  In primo luogo AOC risponde alle critiche dei deputati democratici centristi che biasimano la sinistra per la perdita di alcuni seggi alla Camera, in collegi difficili dove parole d’ordine radicali avrebbero spaventato […]

Continua a leggere →

Possono le assemblee legislative statali scegliere chi vogliono come Grandi elettori presidenziali?

Ma insomma, possono le assemblee legislative di uno Stato (non il governatore, che non c’entra niente) scegliere chi vogliono come Grandi elettori presidenziali? Senza tener conto dei risultati elettorali? La possibilità è affiorata nel dibattito pubblico, soprattutto nei media e nei social media di simpatie trumpiane, come ultima linea di difesa del presidente Trump. Secondo queste suggestioni, alcune assemblee statali a maggioranza repubblicana potrebbero prestarsi all’operazione, nominare Grandi elettori presidenziali […]

Continua a leggere →

Il nuovo partito repubblicano è già qui?

Ma il partito repubblicano è davvero solo il partito di Donald Trump? Macché, il partito repubblicano è probabilmente due partiti, o almeno vale la pena di capire se è vero. Facciamo un passo indietro. Dopo la sconfitta alle elezioni presidenziali del 2012 (con Mitt Romney candidato contro il presidente in carica Barack Obama) il Republican  National Committee condusse un’indagine sullo stato e sulle prospettive del partito, anzi del Partito, “the […]

Continua a leggere →

Tre o quattro cose sulle elezioni americane in corso, prima che finiscano

“Il popolo ha parlato, ma ci vorrà un po’ per sapere che cosa ha detto”. Così disse Bill Clinton il giorno dopo le rutilanti elezioni presidenziali del 2000, quelle che forse serviranno da modello junior alle elezioni attualmente in corso, o forse no. In ogni caso, come prevedibile e previsto, Election Night durerà ben più di una notte, forse anche parecchi giorni in quegli Stati chiave in cui si devono […]

Continua a leggere →

Walt Whitman, Election Day, 1884

Walt Whitman Election Day, November, 1884 Se dovessi indicare, o Mondo Occidentale, la tua scena più grandiosa, il tuo spettacolo più potente, Non saresti tu, Niagara – né voi, sconfinate praterie – né le tue enormi fratture di canyons, Colorado, Né tu, Yosemite – e neanche Yellowstone, con tutti i suoi spasmi di geyser che schizzano al cielo, comparendo e scomparendo, Né le bianche vette dell’Oregon – né la cintura […]

Continua a leggere →

La transizione presidenziale è in corso, a parte le chiacchiere

“C’è un sacco di retorica dura, durissima, ma dietro le quinte ci sono centinaia di funzionari che stanno lavorando alla transizione. … Stanno rispettando tutte le scadenze. Il Presidential Transition Act indica una serie di tappe intermedie nei sei mesi precedenti le elezioni giù giù fino a Election Day. E per ora ognuna di esse è stata rispettata”. Così ha detto il direttore del Center for Presidential Transition, un watchdog group, in una intervista del […]

Continua a leggere →

La Corte suprema e il regime politico: quando i nodi vengono al pettine

Che cosa succede se la Corte suprema, per la composizione del suo personale, e quindi per la filosofia giudiziaria della maggioranza dei suoi membri, sicuri nella loro nomina a vita, entra d’improvviso in contrasto con il regime politico-sociale del paese, un regime nuovo, nascente, con aspirazioni a durare almeno quanto la vita dei giudici? Per dire il caso di oggi: che cosa succederebbe se questa Corte plasmata da molte nomine […]

Continua a leggere →

La comune rovina delle parti in lotta? O una trasformazione di tutta la società? (Appunti, parafrasando il vecchio Manifesto)

Il fenomeno Donald Trump e il partito repubblicano etnonazionalista e “trumpizzato” (o così si dice, almeno finché dura Trump) possono indicare una direzione di marcia o essere solo lo spasmo finale, un episodio estremo, di un mondo che sta morendo e non vuol morire. D’altra parte quasi le stesse cose si possono dire del fenomeno Barack Obama che l’ha preceduto, e del suo partito democratico in evoluzione: episodio anomalo e un […]

Continua a leggere →