Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

Il prêt-à-porter dell’estremista di destra, Texas, 2021

L’altro giorno, il 28 maggio, gli agenti dello sceriffo di Kerr County, in Texas, hanno arrestato il ventottenne Coleman Thomas Blevins. Secondo le indagini, condotte in collaborazione con l’FBI e altre agenzie investigative, stava preparando un mass shooting in un luogo affollato, probabilmente in un supermercato Wal-Mart. Aveva già sulle spalle alcune condanne per produzione, spaccio e possesso di droga (eroina), che comportavano il divieto di possedere armi da fuoco. […]

Continua a leggere →

Una nuova costituzione per Marte (senza chiedere ai marziani)

Ecco finalmente una nuova costituzione che inventa qualcosa di nuovo e migliore. In nome, scrive il Financial Times (qui) che per primo mi ha avvisato della novità, di una “far more participative form of politics”. In nome, afferma la costituzione stessa (qui) che sono corso a leggermi, di una nuova epoca di “deliberative open democracy”. Splendido, no? E chi dovrebbe goderne, di queste belle cose? I marziani, perché questa è “The Constitution of Mars”. Proposta “senza […]

Continua a leggere →

Per fortuna che c’è la Cina, a promuovere il socialismo in America

Qualunque sia lo scopo che l’amministrazione Biden e i democratici in Congresso si propongano con la loro politica estera in Asia, è indubbio che stiano usando la Cina come un utile spauracchio in politica interna. Almeno ci provano. Presentare i grandi progetti di trasformazione del paese, i grandi progetti di investimenti nelle infrastrutture e nella ricerca, come necessari per tener testa alla minaccia della competizione cinese è un modo per […]

Continua a leggere →

Letture. Due mondi a parte

Once Upon a Country: A Palestinian Life è l’autobiografia dell’intellettuale e attivista palestinese Sari Nusseibeh (scritta insieme a Anthony David), pubblicata nel 2007 da Farrar, Straus and Giroux a New York. C’è anche una edizione italiana, C’era una volta un paese. Una vita in Palestina (Il Saggiatore, 2009, traduzione di M.B. Piccioli), che non conosco e che non ho a disposizione. Qui traduco di mio un breve passaggio dalle primissime pagine, dal prologo dove […]

Continua a leggere →

Che cosa s’è veramente detto a Propaganda Live

Non avendo visto, sono andato a vedere, e ho visto e ascoltato. Allora, qualunque cosa si pensi di Propaganda Live (a me, di pelle, non sta particolarmente simpatica), Diego Bianchi non ha detto così, di brutto, “Scegliamo le persone per storia e competenza, non per il sesso”. Questa è solo la sintesi brutale che gli viene attribuita dai media, brutale e anche ambigua, a pensarci bene, se uno avesse in testa solo […]

Continua a leggere →

Sorpresa Biden? Ma no, era tutto scritto nel programma elettorale democratico

Per capire che cosa stia cercando di fare Joe Biden, senza cedere alla sorpresa che sia una sorpresa, forse basta leggere – o meglio, forse bastava leggere e prendere sul serio allora, il programma elettorale del partito democratico, approvato dal congresso nazionale l’estate scorsa. In genere si dice, con nonchalance da persone di mondo, che i programmi elettorali sono documenti largamente “simbolici”: promettono quasi tutto a quasi tutti, sono scritti per rendere felici le […]

Continua a leggere →

Perché siamo così interessati alle faccende razziali americane?

Perché siano così informati, appassionati e partecipi delle faccende razziali americane? Perché siamo (molti italiani ma anche, mi sembra di capire, molti europei) così informati su fatti, persone, leggi, procedure, analisi e storie come spesso non lo siamo su faccende analoghe di casa nostra? Perché siamo così appassionati e partecipi, alcuni di noi, al punto di organizzare manifestazioni di protesta in risposta a eventi d’oltreoceano come se ci riguardassero direttamente? Era già successo in periodi precedenti, […]

Continua a leggere →