Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

Letture non americane: vivere da comunisti con Marina (Xenia) Sereni

phpThumb_generated_thumbnailjpg

Due pagine tratte dal memoir di Marina Sereni, I giorni della nostra vita, 1955. Marina Sereni, nata Xenia Silberberg (1906-1952), era una attivista comunista degli anni più duri e dalla vita troppo breve, figlia di rivoluzionari ebrei russi, moglie dello storico e dirigente comunista Emilio (Mimmo) Sereni. Il suo libro, pubblicato postumo dal PCI nella collana popolare “Il milione”, vendette centinaia di migliaia di copie, divenne un bestseller. Insieme al libro […]

Continue Reading →

Letture non americane: la biblioteca vuota di Emilio Sereni

EX_LIBRI

Una pagina tratta da Clara Sereni, Il gioco dei regni (Giunti 1993). Clara è la figlia dello storico e dirigente comunista Emilio Sereni, qui Mimmo (1907-1977), e di Xenia Silberberg (1906-1952), l’autrice, con il nome di Marina Sereni, del memoir I giorni della nostra vita, pubblicato postumo del 1955. Nel 1972 Emilio Sereni donò la sua ricchissima biblioteca-archivio all’Istituto Alcide Cervi, allora a Roma; dal 2003 si trova nella sede dell’istituto a Gattatico, […]

Continue Reading →

American Democrats: prendersi i repubblicani scontenti o costruire una nuova maggioranza progressista?

GettyImages-83526748

Pubblicato su Mente politica del 24 agosto 2016 Ci sono due modi per immaginare una strategia elettorale che dia qualche soddisfazione al tuo partito. Il primo presuppone che l’universo in cui giocare sia quello degli elettori abituali, un dato più o meno immutabile. Chi vota vota, chi non vota affari suoi. In questo caso il gioco è a somma zero. Per vincere devi strappare elettori al partito avverso, metterne in cattiva luce […]

Continue Reading →

White working-class conservatism? A chi piace davvero Donald Trump?

trump-white-working-class-b

Una certa idea di chi siano i followers più ferventi di Trump, nelle elezioni primarie e poi nei sondaggi di opinione, è piuttosto nota, ed è diventata un luogo comune. Si tratta di maschi bianchi non-ispanici senza un titolo di studio elevato, appartenenti alla classe operaia industriale colpita dalla globalizzazione, i cui (buoni) posti di lavoro sono stati portati all’estero, sostituiti dalle macchine o degradati in qualità e livelli di […]

Continue Reading →

Hollywood sovietica! (The North Star, 1943)

northstar

Quando Hollywood era non solo anti-fascista ma anche filo-sovietica, e naturalmente gli Stati Uniti erano alleati di zio Joe Stalin, si producevano film come The North Star (1943). Senza risparmi. Il cast è stellare, Anne Baxter, Dana Andrews, Walter Huston, Walter Brennan e altri, con la partecipazione straordinaria di Eric von Stroheim nel suo ruolo preferito. E stellari sono i nomi dei confezionatori: Samuel Goldwyn alla produzione, Lewis Milestone alla […]

Continue Reading →

La fine del voto disgiunto e i timori dei candidati repubblicani al Congresso: con Trump o senza Trump?

Schermata 2016-08-07 alle 17.52.19

Pubblicato su ytali.com il 9 agosto 2016 Agli alti e bassi delle fortune di Donald Trump nei sondaggi di opinione si accompagnano le speranze e i timori dei candidati repubblicani alla Camera e al Senato. Meglio prendere le distanze dal controverso candidato presidenziale, per evitare di condividerne la rovina, nel caso che alla fine prevalga la rovina? D’altra parte: è davvero buona politica irritare i suoi elettori più affezionati, inimicarseli, rinunciare al loro […]

Continue Reading →

Il perfetto First Gentleman

MPW-72062

Ora, proprio perfetto no. Bill Clinton ha intrattenuto la platea un po’ troppo a lungo (come gli capita sempre), con qualche sospetto di sentimentalismo senile (come gli capita da qualche tempo). Ma ha fatto la sua parte, l’altro giorno alla Democratic National Convention a Filadelfia. Nel ruolo inaudito di marito della prima donna possibile President of the United States, di potenziale primo First Gentleman, ci ha provato e ha detto […]

Continue Reading →

Una casa costruita da schiavi

48cdcdf11a89d27de004e140438c859f

Lo ha ricordato Michelle Obama alla Democratic National Convention dell’altro giorno, lunedì 25 luglio – quello che gli storici sanno bene, e cioè che la Casa bianca e tutta Federal City ovvero Washington City (come si chiamava allora), la nuova capitale fondata da zero in una zona di boscaglia e palude fra Virginia e Maryland, fu costruita anche con il lavoro degli schiavi. Com’era normale e inevitabile nel Sud schiavista […]

Continue Reading →

“Trump è senza precedenti perché Obama è senza precedenti”: la storica Nell Painter sul significato di Donald Trump

Schermata 2016-07-21 alle 18.09.00

Ken Burns e David McCullough hanno creato una pagina Facebook dedicata alla riflessione storica sul significato (che trovano “troubling”, preoccupante) della campagna elettorale di Donald Trump. Uno dei primi contributi alla pagina, che si chiama Historians on Donald Trump e che, mi sembra, farebbe meglio a chiamarsi Historians Against Donald Trump, è questo video di Nell Painter (qui), docente emerita di storia a Princeton, autorevole studiosa dell’esperienza nera e quindi […]

Continue Reading →

Il copkiller di Baton Rouge invita alla reazione violenta contro l’oppressore (come fece a suo tempo George Washington)

Schermata 2016-07-18 alle 19.47.34

Il presunto killer dei tre poliziotti di Baton Rouge di ieri, domenica 17 luglio, è stato identificato come Gavin Long, un ex marine di 29 anni di Kansas City, Missouri. Leggo sul New York Times e sul Los Angeles Times che potrebbe essere lo stesso Gavin Long che ha registrato un sito web (qui) con il nome di Cosmo, dove dispensa consigli sul successo, la salute, la trasformazione spirituale, il sesso, […]

Continue Reading →

Posts navigation

1 2 3 29
Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

Join 98 other followers