Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

Letture. Luciana Castellina in Amerika (1973)

Luciana Castellina, Che c’è in Amerika?, con una prefazione di Lucio Magri e tre interviste a Herbert Marcuse, Paul Sweezy e Noam Chomsky, Bertani editore, Verona, 1973. Ho ritrovato questo mio vecchio libro su in alto, nell’ultimo piano dello scaffale, nascosto in seconda fila, un documento di tanto tempo fa, dei tempi delle elezioni presidenziali del 1972, del tentativo “neopopulista” (ma guarda un po’) di George McGovern e della seconda vittoria […]

Continue Reading →

Il People’s Party non era populista

Dal punto di vista della critica alla struttura del sistema politico e istituzionale, e tanto più dal punto di vista di una sua reale trasformazione, l’eredità del Populist Party o People’s Party di fine Ottocento è stata minima o inesistente. E’ stata minima anche perché l’interesse a costruirla era inesistente. I Populisti di allora, a differenza dei movimenti storicamente definiti populisti con la minuscola (negli Stati Uniti e altrove), non […]

Continue Reading →

Letture. Una comunista americana a Mosca, ottanta anni fa, nel 1937 delle purghe staliniane

Peggy Dennis (1909-1993) è una attivista e dirigente del Communist Party USA per gran parte della sua vita e della vita più intensa del partito, dagli anni 1920s alle dimissioni nel 1976. Nasce a New York come Regina Karasick, figlia di immigrati ebrei russi, rivoluzionari e socialisti. E’ la compagna di vita di Eugene Dennis, che diventa segretario generale del CP-USA dal 1945 al 1959. Fa un po’ di conti […]

Continue Reading →

Aprile 1917: I socialisti americani contro la guerra e la fine del socialismo in America

Il 6 aprile 1917, cento anni fa giovedì prossimo, il Congresso degli Stati Uniti votò la dichiarazione di guerra al governo imperiale tedesco, un evento storico drammatico che segnò l’inizio di un nuovo corso per la politica americana e per la politica mondiale, l’inizio di quello che è stato chiamato il “secolo americano”. Il giorno successivo, il 7 aprile 1917, cento anni fa venerdì prossimo, si aprì a St. Louis, […]

Continue Reading →

Parole: “American Century” nella buona e nella cattiva sorte

Il termine “American Century” sembra avere la sua massima fortuna editoriale nel momento in cui gli Stati Uniti hanno meno fortuna e il “secolo americano” è in crisi e potrebbe essere sul punto di tramontare. O almeno così suggerisce Google Books se si interrogano i titoli e i testi dei suoi milioni di libri in American English con la funzione statistica Ngram (vedi la grafica qui sopra). “American Century” ha […]

Continue Reading →

Un Tea Party di sinistra per il partito democratico

E così, alla lunga, il vecchio Tea Party repubblicano sta facendo scuola sul fronte opposto, fra i nuovi progressisti democratici. In entrambi i casi, a scatenare le passioni, c’è voluto un presidente intensamente odiato e ritenuto pericoloso. Il movimento del Tea Party aveva ottenuto dei risultati importanti con le sue tattiche politiche e organizzative. Galvanizzato dalla radicale ostilità a Barack Obama, da una parte aveva mobilitato gli elettori più conservatori […]

Continue Reading →

Appunti. Perché molti americani bianchi hanno votato Trump – contro i loro interessi?

Perché  elettori bianchi non ricchi e magari in difficoltà economiche hanno votato per Trump, pur sapendo che con questo voto avrebbero probabilmente perso i benefici dell’Affordable Care Act, cioè di Obamacare, cioè di un’assicurazione sanitaria tutto sommato decorosa e a buon mercato? Perché, insomma, hanno votato contro i loro interessi? Un recente articolo su Forbes (qui), il business magazine famoso per la lista dei miliardari più miliardari d’America e del […]

Continue Reading →

Come ti individuo il gay che vuol fare l’agente della Cia

Ancora nel 1980 la Cia non voleva omosessuali fra i suoi agenti. Con ogni probabilità temeva che, se scoperti, potessero essere ricattati da servizi di intelligence ostili. Naturalmente, se gli omosessuali fossero stati apertamente tali, nessuno avrebbe potuto ricattarli e il problema si sarebbe risolto da sé – ma tant’è, magari i tempi non erano ancora maturi per nessuno. L’agenzia faceva quindi di tutto per individuarli ed escluderli al momento […]

Continue Reading →

Noi, il popolo americano – cioè?

C’è nel presente e nel passato degli Stati Uniti, nella tradizione della loro vita pubblica, anche troppo evidente il culto retorico del popolo (vedi uno sketch satirico del Daily Show, quando ancora c’era Jon Stewart, nella seconda parte di questo video). Questi  sono appunti di riflessione sul significato di “popolo” nella storia americana, forse un po’ troppo densi e accademici per un blog – ma tant’è. Il culto retorico del popolo non sorprende […]

Continue Reading →

RIP ovvero la politica dello scandalo: come abbattere un avversario politico e vivere felici

Vuoi abbattere un avversario politico? Impedirgli di esistere, tanto più di governare? Più della politica elettorale è efficace la politica dello scandalo. La formula vincente è: rivelazione (giornalistica), indagine (parlamentare), azione penale (dei procuratori), cioè “revelation, investigation, prosecution”, cioè RIP – riposa in pace. Ogni tanto mi tornano in mente questi appunti di molti anni fa, un quarto di secolo fa, per essere precisi. Sono tratti da un libro del […]

Continue Reading →