Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

Quali condoglianze per un soldato caduto?

Nei linguaggi patriottici americani c’è una frattura che riflette altre fratture del paese, e che crea problemi di comunicazione. Ho l’impressione che ce ne sia un piccolo esempio nel recente imbroglio che riguarda la telefonata di condoglianze del presidente Trump alla vedova di un soldato caduto in azione – e il significato delle sue parole in questa occasione. La telefonata ha raggiunto la signora in macchina mentre era diretta all’aeroporto […]

Continue Reading →

Il cuore di George Mosse

Bisogna stare attenti alle cerimonie e alla retorica. George Mosse, quando andò in Israele per la prima volta, negli anni 1960s, ci cascò anche lui. Queste parole sono un’eccellente descrizione del mio rapporto con Israele, che non era basato sulla religione, e tanto meno su un mistico amore per la terra, non foss’altro perché il paesaggio sud-tedesco intorno a Salem è rimasto per tutta la vita «il mio paesaggio». E’ […]

Continue Reading →

E l’architettura schiavista americana? Tranquilli, è diventata una attrazione turistica

Insomma, adesso gli americani vogliono anche imporci di abbattere la nostra migliore architettura razionalista, solo perché è stata disegnata durante il periodo fascista? E quindi è, o sarebbe, fascista? Nella loro furia anti-storica attaccano a casa loro i monumenti di un passato controverso e vorrebbero farlo anche in casa d’altri? Vogliono esportare l’iconoclastia così come vogliono esportare la democrazia, addirittura persino, come sembra concludere Fulvio Irace sul Sole 24 Ore? […]

Continue Reading →

La bandiera dell’indipendenza catalana, bandiera americana

Pubblicato anche su ytali.com del 1 ottobre 2017. La bandiera dell’indipendenza catalana, quella raffigurata qui sopra – un rettangolo con quattro strisce rosse alternate a cinque strisce gialle, la “Senyera”, simbolo tradizionale della Catalogna, con l’aggiunta della novità più aggressiva, il triangolo blu contenente la stella bianca a cinque punte – è figlia delle bandiere indipendentiste americane di Cuba e Puerto Rico, e quindi nipote del più vecchio vessillo dell’indipendenza […]

Continue Reading →

The flag, government, and freedom of conscience (the Barnette case, 1943)

Excerpts from Arnaldo Testi, Capture the Flag: The Stars and Stripes in American History, New York University Press, 2010, pp. 47-49 The rituals surrounding the Stars and Stripes are quite recent. The shaping of their features, so highly infused with civil religiosity, has elicited many a conflict that has involved the citizens’ civic and religious beliefs, the role of religion in public life, and the country’s most sacred institutions. The […]

Continue Reading →

La bandiera, il governo e la libertà di coscienza (un pezzetto di storia)

Tratto paro paro (con qualche taglio) da Arnaldo Testi, Stelle e strisce. Storia di una bandiera, Bollati Borignhieri, 2003, pp. 55-58 L’apparato rituale che circonda la bandiera a stelle e strisce è dunque piuttosto recente. La definizione dei suoi caratteri, così impastati di religiosità civile, ha suscitato parecchi conflitti che hanno chiamato in causa le convinzioni civiche e religiose dei cittadini, e il posto che la religione occupa nella vita […]

Continue Reading →

Le donne democratiche che vogliono riprovarci, a conquistare la Casa bianca

Pubblicato anche su ytali.com del 23 settembre 2017 La sconfitta di Hillary Clinton non ha affatto tolto alle donne del partito democratico la voglia di ritentare la strada della Casa bianca, alle prossime elezioni presidenziali. Alcune si stanno preparando, incontrano elettori e sostenitori politici e finanziari, visitano gli stati come l’Iowa da cui ripartirà, fra poco più di due anni, appena un battito di ciglia, la corsa delle primarie. Prominenti […]

Continue Reading →

Letture. “Sull’essere una donna in politica” (Hillary Clinton, 2017)

“Che cosa è successo” – durante la campagna elettorale e nelle elezioni di novembre dell’anno scorso? In What Happened (Simon and Schuster, 2017) Hillary Rodham Clinton dà la sua versione dei fatti e dei sentimenti, e varrà la pena di leggerlo tutto, prima o poi, il libro appena uscito, anche se è già cominciata la gara a sfotterlo e a farlo a pezzi, come si conviene a ogni cosa hillariana […]

Continue Reading →

Letture. “When you’re black in America, everything is about race” (Kareem Abdul-Jabbar, 2017)

Leggendo le parti disponibili su Google Books di Coach Wooden and Me, l’ultimo libro di Kareem Abdul-Jabbar, il grande cestista della NBA che quest’anno compie settant’anni, trovo questa bella pagina. La riporto qui sotto in inglese, non ho voglia di tradurla e d’altra parte mi pare che una edizione italiana sia in uscita. Traduco solo il cuore del ragionamento, che è questo: “Non capiva che quando sei nero in America, […]

Continue Reading →

Il “disgustoso monumento” dei quattro schiavi di Livorno

Pubblicato anche su ytali.com del 14 settembre 2017 In occasione del suo grand tour europeo e di una lunga permanenza in Italia, il pittore americano Rembrandt Peale visita Livorno e così introduce la città in una nota datata 22 aprile 1830: “Al di fuori delle mura e vicino al mare c’è il porto interno, formato anticamente da un molo oltre al quale si estende ora un molo più grande che […]

Continue Reading →