Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

campagna elettorale

Quando Allen Ginsberg scrisse una poesia socialista per Bernie Sanders

Ripreso da Left.it, 19 febbraio 2016 – e da ytali.com, 20 febbraio 2016 Esattamente trent’anni fa, il 21 febbraio 1986, Allen Ginsberg scrisse alcuni versi sulla “neve socialista” e su tutte le cose socialiste di Burlington, la città del Vermont di cui era allora sindaco Bernie Sanders. Sanders non è nominato ma chiaramente è dalla sua politica che viene la suggestione (Burlington era nota ai connoisseurs come la “repubblica popolare di Burlington”). I […]

Continue Reading →

Allora, quanti elettori hanno davvero votato in New Hampshire

Edizione aggiornata e corretta, con nuovi numeri. Anche nelle primarie del New Hampshire, come in Iowa, gli elettori democratici sono diminuiti, mentre sono aumentati quelli repubblicani.  Per le primarie del New Hampshire di ieri 9 febbraio, ho scritto in un post precedente, bisogna fare attenzione ai tassi di partecipazione, importanti per capire quale possa essere l’impatto della “rivoluzione politica” promessa da Bernie Sanders nel partito democratico, e della insurgency repubblicana nel Grand […]

Continue Reading →

Quanti elettori voteranno alle primarie del New Hampshire, oggi?

Per le primarie del New Hampshire di oggi, bisogna fare attenzione ai tassi di partecipazione, importanti soprattutto per capire in che modo si sviluppa la “rivoluzione politica” promessa da Bernie Sanders nel partito democratico. Secondo i sondaggi Bernie qui vince senza problemi, ma riuscirà a mobilitare l’elettorato più di quanto sia avvenuto nelle tornate precedenti? Soprattutto rispetto alle primarie del 2008, quelle di Hillary Clinton vs. Barack Obama? Non gli […]

Continue Reading →

Bernie Sanders nel kibbutz stalinista?

All’inizio degli anni sessanta, nel 1963 o forse nel 1964, il poco più che ventenne Bernie Sanders passò alcuni mesi in un kibbutz in Israele. Questo si sapeva, sta nel suo resumé. Non si sapeva in quale kibbutz, perché l’attuale senatore e aspirante presidente Sanders non ne aveva mai fatto il nome. Ora, da qualche giorno, si sa. L’ha scoperto un giornalista israeliano e ne sono state trovate tracce frugando […]

Continue Reading →

Ma quanti sono gli americani che votano alle primarie?

Alle primarie del 2008 votarono 57 milioni di americani, il 30% dell’elettorato generale, un record. Si ripeterà quest’anno il miracolo? Alle quasi 1700 mini-assemblee congressuali di ciascun partito che in Iowa si chiamano caucuses, la settimana scorsa hanno partecipato in tutto 353.000 elettori. Sono i primi dati che indicano alcune cose interessanti se messi a confronto con quelli del 2008, l’ultima tornata comparabile di primarie presidenziali in cui entrambi i […]

Continue Reading →

Chi ha votato per chi, nei famosi caucuses dell’Iowa

L’avranno già fatta in molti, questa analisi basata sugli entrance polls ai famosi caucuses dell’Iowa del 1 febbraio, ma qualcosa provo a fare anch’io. Se non altro per mia memoria e perché, all’inizio di questa lunga stagione di primarie, i suoi risultati possono servire da benchmark per valutare gli sviluppi a venire. I dati che ho visto sono quelli raccolti da Edison Research per il National Election Pool, e sono […]

Continue Reading →

Appunti. L’insorgenza politica del 2016 come effetto ritardato di quindici anni di crisi

E.J. Dionne, il columnist liberal del Washington Post, coglie un punto di sintesi che vale la pena tenere a mente anche al di là delle sue conclusioni. Il punto è questo: Questa è l’insorgenza politica che non c’è stata immediatamente dopo gli attacchi dell’11 settembre 2001, dopo il fallimento della guerra in Iraq, dopo la Grande Recessione. E’ l’effetto accumulato e ritardato delle crisi e delle divisioni degli ultimi quindici […]

Continue Reading →

È il big government, stupido!

Pubblicato su Aspenia Online, 26 gennaio 2016. Leggilo qui. È la solita vecchia storia. Il governo federale è uno strumento utile ad affrontare i problemi del Paese, come pensano i Democratici? Oppure è il governo stesso a essere il problema principale, come pensano i Repubblicani? La linea di frattura fra i due partiti continua a essere, soprattutto per ciò che riguarda le questioni interne, quella classica sul ruolo e l’estensione dei […]

Continue Reading →

Il sogno americano del “terzo partito”

  Elucubrazioni (anche di fantasia) sulla possibile candidatura indipendente di Michael Bloomberg Sembra la cosa più sensata del mondo quella immaginata, secondo il New York Times, da Michael Bloomberg, l’ex sindaco di New York. E cioè: se lo scenario che si delinea per le elezioni presidenziali di novembre è quello di un partito repubblicano molto di destra con Donald Trump o Ted Cruz, e un partito democratico molto di sinistra […]

Continue Reading →

Primarie democratiche 2016: da che parte stanno i sindacati?

I sindacati americani, sia quelli della grande confederazione AFL-CIO che quelli indipendenti, sono quasi tutti – quasi sempre – sostenitori del partito democratico. Ne sono una risorsa importante. Appoggiano ufficialmente i suoi candidati alle cariche pubbliche, donano soldi alle loro campagne elettorali, mobilitano a loro favore gli iscritti e i militanti. Lo fanno anche nelle primarie, schierandosi per i contendenti alla nomination. E ora che cominciano le primarie presidenziali, hanno […]

Continue Reading →