Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

campagna elettorale

Bernie, Hillary e il Deep South “conservatore”

Rileggendo il dibattito fra Hillary Clinton e Bernie Sanders a Brooklyn dell’altro giorno, ho trovato un punto che mi era sfuggito la prima volta, ma che ora mi ha colpito. Magari è un dettaglio, è marginale, vedete un po’ voi, ma a me sembra di no. Riporto l’intera citazione che mi fa problema, una osservazione di Sanders sul passato e sul futuro, per lui, di questa stagione di vittorie e […]

Continue Reading →

Negli Stati Uniti gli elettori indipendenti sono i più estremisti

Pubblicato su Mente politica di sabato 16 aprile 2016 Gli elettori che si considerano “indipendenti” rispetto ai partiti sono molto aumentati, nell’ultimo decennio. La loro quota era intorno al 30% dieci anni fa, oggi si avvicina o supera il 40%, a seconda della marca di sondaggi che prendete in considerazione – e qui sotto trovate due tabelle autorevoli, un po’ diverse ma convergenti, quella di Gallup e quella del Pew Research […]

Continue Reading →

I superdelegati Democratici, roba poco democratica?

Il columnist del New York Times Charles Blow se la prende con alcuni aspetti delle primarie del partito Democratico che, a suo parere, sono poco democratici. E non è l’unico a farlo, in particolare per ciò che riguarda la faccenda dei “superdelegati” alla convenzione nazionale – che sono “super” perché sono designati ex officio e non eletti nelle primarie o nei caucuses come i delegati “normali”. Sono inoltre liberi di […]

Continue Reading →

I delegati alla prossima convenzione repubblicana devono poter andare armati, com’è loro diritto costituzionale / con un aggiornamento

Post originale 25 marzo. Sul sito Change.org, specializzato nel consentire a chiunque lo voglia di lanciare campagne per cause politico-sociali, circola da qualche giorno ­una petizione che sembra più che altro una provocazione satirica, una cosa fatta nello spirito di The Onion. Tuttavia è una petizione autentica, sta raccogliendo firme vere ed è dotata di una sua ferrea logica. In sintesi, la petizione è rivolta ai vertici del partito repubblicano, allo stato […]

Continue Reading →

I delegati alla prossima convenzione repubblicana devono poter andare armati, com’è loro diritto costituzionale

Sul sito Change.org, specializzato nel consentire a chiunque lo voglia di lanciare campagne per cause politico-sociali, circola da qualche giorno ­una petizione che sembra più che altro una provocazione satirica, una cosa fatta nello spirito di The Onion. Tuttavia è una petizione autentica, sta raccogliendo firme vere ed è dotata di una sua ferrea logica. In sintesi, la petizione è rivolta ai vertici del partito repubblicano, allo stato dell’Ohio (dove, […]

Continue Reading →

Che cosa diavolo è una brokered convention (per Donald Trump)

Se vuoi assicurarti la nomination presidenziale del tuo partito, ti conviene arrivare al congresso nazionale con la maggioranza assoluta dei delegati già impegnata a tuo favore. E’ ciò che accade di solito, ai nostri tempi, e che con tutta probabilità accadrà anche quest’anno in entrambi i partiti. Nel caso del partito repubblicano, tuttavia, non è certo che il candidato ora in testa alla corsa, Donald Trump, sia in grado di […]

Continue Reading →

L’anno dei party hijackers – i dirottatori di partiti

E così, in questo anno elettorale presidenziale, i due major parties si sono mostrati aperti anzi apertissimi ai raid di aggressivi dirottatori esterni. Donald Trump e Bernie Sanders hanno seminato il panico nei due establishment, il primo, sembra di capire almeno per il momento, con maggior successo del secondo. Trump ha effettivamente hijacked il partito repubblicano, mettendo una seria opzione sulla nomination. Sanders ci ha provato con i democratici, incontrando […]

Continue Reading →

Appunti. Clinton, Sanders e il futuro del partito democratico

In un articolo sul New Yorker di questa settimana, Ryan Lizza racconta la storia della grande divisione dentro il partito democratico, quella divisione che oggi si esprime nella competizione per la nomination fra Hillary Clinton e Bernie Sanders. Una storia nota che tuttavia Rizza, da buon cronista, conclude con alcune notazioni da insider, piuttosto interessanti. E che qui riassumo e copio. La storia nota è questa (e la faccio breve, […]

Continue Reading →

Bernie Sanders e la rissa di Chicago

Prima facie, la storia è semplice. Donald Trump ha fomentato per mesi la violenza e l’odio con la sua retorica violenta e razzista, e ora ne paga il fio. La gente, la gente di colore, si è stufata e ha reagito con la protesta; ha interrotto e infine in qualche modo impedito il suo comizio allo stadio della University of Illinois a Chicago. “La gente” naturalmente non esiste in natura, […]

Continue Reading →

Alle primarie democratiche in Michigan, arabi e musulmani hanno votato per l’ebreo Bernie Sanders?

Dunque Bernie Sanders ha vinto per un pelo le primarie democratiche in Michigan (49,8% contro 48,3%). Guardando più da vicino il territorio si vedono, com’è ovvio, delle differenze: in certe contee ha vinto meglio, in altre peggio, in alcune ha perso. Ha perso, per esempio, nella Wayne County che contiene Detroit e un pezzo della sua area metropolitana per un totale di 1,8 milioni di abitanti. Qui ha vinto alla […]

Continue Reading →