Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

Geografie politiche delle primarie democratiche, ora che sono finite: alcune mappe suggestive

Schermata 2016-06-08 alle 10.53.14Riprendo da un post precedente la mappa delle primarie democratiche, aggiornandola ora che si sono praticamente concluse (deve ancora votare solo il District of Columbia, cioè la capitale Washington, il prossimo 14 giugno).

La distribuzione dei voti per contea, cortesia del New York Times, conferma l’intuizione di un mese e mezzo fa, e cioè che esistono due Americhe abbastanza diverse a cui hanno fatto riferimento i due candidati principali.

Fra Hillary Clinton e Bernie Sanders, il paese è diviso in due regioni secondo una linea orizzontale. Un po’ all’ingrosso, lo so, ma il colpo d’occhio c’è. E ora la divisione orizzontale si è estesa fino a tagliare in due anche la California che ha votato ieri.

Non è difficile trovare mappe esplicative (suggestive) di questa divisione.

Le aree in cui è forte Clinton sono, con sorprendente precisione (e ormai non è più una sorpresa), quelle dove maggiore è la presenza di afro-americani e di ispanici, le aree delle diversità razziali della popolazione.

Le aree in cui è forte Clinton sono anche quelle in cui maggiori sono le diseguaglianze di reddito. E questo sì che è abbastanza sorprendente, visto che proprio la denuncia delle diseguaglianze economiche è stata al cuore della campagna di Sanders.

Blacks_2010

Latinos_2010

Racial_diversity_2010

1280px-Gini_Index_US_Counties_2010

In quest’ultima mappa, basata sull’indice o coefficiente di Gini , il colore più intenso segnala una maggiore diseguaglianza nella distribuzione del reddito; e denota le aree del sud e quelle urbane del nord in cui, tipicamente, ha prevalso Clinton.

Il Gini Index varia da 0 a 1, dove 0 corrisponde alla perfetta eguaglianza e 1 alla perfetta diseguaglianza (un individuo prende tutto e gli altri niente). Più alto è il suo valore, più alta è la diseguaglianza nell’unità considerata. L’indice per gli interi Stati Uniti è 0.467, piuttosto alto. Per dire, per l’Italia è intorno a 0.320.

Categories: campagna elettorale, Electoral process

Tags: , , , ,

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s