Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

Diritti civili

Martin Luther King, Jr. – il sogno militante di cose concrete

  Martedì 10 aprile 2018, con l’evento annunciato qui sopra, collegato al Festival “Utopia, Italy”, l’Università di Pisa ricorderà Martin Luther King. Quello che segue sarà, più o meno, l’inizio del mio contributo. Credo che, in questo cinquantenario dell’assassinio di Martin Luther King, nulla sia più emozionante e drammatico che ascoltare alcune parole del suo ultimo discorso, pronunciato a Memphis, Tennessee, la sera prima del giorno fatale, la sera del […]

Continue Reading →

Negroland, Negro (pronuncia /ˈniːɡrəʊ/)

Ho appena cominciato a leggere Negroland, il memoir di Margo Jefferson sulla sua vita nella borghesia afro-americana di antico benessere, di prestigiose professioni, di buona istruzione, di raffinata educazione. Lo sto leggendo nella bella traduzione di Sara Antonelli appena uscita per l’editore 66thand2nd (un nome per me curioso, molti decenni fa quell’incrocio di Manhattan mi era diventato familiare). E la lettura, già mi sembra di poterlo dire, si annuncia brillante […]

Continue Reading →

Texas 1917: la breve, sfortunata rivolta dei Buffalo Soldiers contro le leggi Jim Crow e la polizia razzista

Nel fatidico 1917 gli Stati Uniti entrarono in guerra, adottarono la leva obbligatoria e, fra gli altri, arruolarono alcune centinaia di migliaia di giovani afro-americani. I reparti neri parteciparono alla spedizione in Europa per combattere il nemico straniero. Il loro primo incontro e scontro con il nemico, tuttavia, lo ebbero in patria, nel cuore del Texas. E’ qui che furono aggrediti dal razzismo e dalla segregazione Jim Crow. E reagirono. […]

Continue Reading →

Un documento segreto dell’FBI su Martin Luther King

Fra le carte che l’amministrazione Trump ha reso note venerdì 3 novembre sul caso Kennedy c’è anche, chissà perché, un rapporto segreto dell’FBI su Martin Luther King. Un rapporto stilato molto dopo l’assassinio di JFK, datato 12 marzo 1968, quindi tre settimane prima dell’assassinio dello stesso King. Da un timbro sul frontespizio, risulta che il documento sia stato esaminato nel 1994 per una possibile pubblicazione, ma sia stato allora giudicato […]

Continue Reading →

Le conseguenze dei race riots

Pubblicato su Mente politica del 5 ottobre 2016 Gli ultimi race riots nelle città americane sono affari piuttosto limitati, rispetto alle proteste pacifiche. Secondo i giornali, gli incidenti più grossi coinvolgono qualche centinaio di persone, il che vuol dire forse non più di cento. Se si guardano con attenzione i video, si riconoscono poche decine di individui, in genere maschi, sempre gli stessi, che si spostano di qua e di là. Sono anche affari […]

Continue Reading →

La bandiera dell’uomo bianco

La bandiera che oggi conosciamo come la bandiera sudista confederata (la Southern Cross: una croce di Sant’Andrea blu con stelle bianche, su fondo rosso) è nata come simbolo di difesa della schiavitù durante la Guerra civile. Ed è rinata come simbolo di segregazione e di difesa della segregazione durante il movimento per i diritti civili. E’ the White man’s flag, la bandiera dell’uomo bianco. Durante la Guerra civile la Southern […]

Continue Reading →

“Violentate le nostre donne e vi state prendendo il nostro paese”

“I have to do it. You rape our women and you’re taking over our country. And you have to go.” Devo farlo, violentate le nostre donne e vi state prendendo il nostro paese, dovete morire. Secondo un sopravissuto alla strage, questo ha detto Dylann Roof prima di uccidere nove afro-americani (di cui, con tragica incongruenza, sei erano donne) nella chiesa di Charleston in South Carolina. Così l’assassino terrorista bianco ha […]

Continue Reading →

Baltimore Mom, il dibattito infuria

Il dibattito infuria, nei media e nei social media americani, sul video virale della madre afro-americana che mena un po’ il figlio durante i disordini di Baltimora (vedi un post precedente). Ed è ovviamente un dibattito che più politico e generale non si può, anche quando – soprattutto quando è immediato, personale e localizzato. Compongo qua sotto una piccola antologia di alcuni commenti. Nella gara per Madre dell’Anno, abbiamo una […]

Continue Reading →

Una madre molto arrabbiata, a Baltimora

Non c’è nulla di divertente o di folklorico, nulla su cui fare dello spirito nel video della madre afro-americana che prende a botte e insulti il figlio sedicenne (conciato un po’ da black bloc, incluso il passamontagna nero) che tira sassi alla polizia. Per riportarlo a casa, a Baltimora, l’altro giorno. Un video andato virale, che ha fatto di Toya Graham, almeno per qualche giorno, la madre più famosa d’America. E’ […]

Continue Reading →