Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

Americanismo

Fantasmi dal passato: riabilitare Ethel Rosenberg?

Una decina di membri del consiglio comunale di New York City, lunedì scorso 28 settembre, ha onorato ufficialmente “la vita e la memoria” di Ethel Rosenberg (nata Greenglass) nel giorno che sarebbe stato quello del suo centesimo compleanno. A poco più di sessant’anni dalla sua esecuzione sulla sedia elettrica, insieme al marito Julius: entrambi accusati di essere spie sovietiche, di aver passato all’arcinemico dei segreti atomici, nel più clamoroso caso […]

Continue Reading →

Perché negli Stati Uniti non c’è il socialismo?

Perché negli Stati Uniti non c’è il socialismo? Conflitti sociali, vita politica e scarti temporali nell’America di fine Ottocento. Il titolo di questo mio contributo, Perché negli Stati Uniti non c’è il socialismo?, cita ovviamente il noto saggio di Werner Sombart del 1906. Un saggio notissimo proprio grazie a questo titolo, che ha avuto molta più fortuna del libro stesso. Un titolo (il titolo, più del libro) che nel corso […]

Continue Reading →

Riprendersi l’America: il patriottismo americano dopo l’11 settembre (2011)

Che i cittadini degli Stati Uniti siano patriottici, sembra un fatto indiscutibile. Che siano fra i più disponibili del mondo occidentale a dirlo senza pudori, e a mostrarlo in pubblico esibendone i simboli più popolari, la bandiera e l’inno nazionale. anche. Che siano diventati ancora più patriottici dopo l’11 settembre 2001, appare ragionevole ed è una sensazione diffusa; ne sono convinti sia gli osservatori stranieri che gli americani stessi. E […]

Continue Reading →

La bandiera dell’uomo bianco

La bandiera che oggi conosciamo come la bandiera sudista confederata (la Southern Cross: una croce di Sant’Andrea blu con stelle bianche, su fondo rosso) è nata come simbolo di difesa della schiavitù durante la Guerra civile. Ed è rinata come simbolo di segregazione e di difesa della segregazione durante il movimento per i diritti civili. E’ the White man’s flag, la bandiera dell’uomo bianco. Durante la Guerra civile la Southern […]

Continue Reading →

Americans’ Flag Obsession Is Not So Exceptional

Published on 14 June 2015, U.S. Flag Day, in Zocalo Public Square, Time, Smithsonian.com – and The Bakersville Californian. On the very first day I set foot in the United States as a young student from Europe too many years ago, I accidentally mistook a renowned fast food restaurant for the local post office. Why the silly mistake? Because of the national flag flying in front of it. I thought it […]

Continue Reading →

Irving Berlin, il diavolo e la Grande guerra

Anche il giovane Irving Berlin scrisse una canzone contro la guerra, nel 1914. Il titolo è Stay Down Here Where You Belong. Non è granché, come song, per uno che era già diventato una star internazionale con Alexander’s Ragtime Band. Il plot è arzigoggolato, una conversazione del diavolo con suo figlio. Il figlio vuole salire nel mondo per divertirsi un po’, ma il padre gli dice: è meglio se resti […]

Continue Reading →

Due canzoni americane della Grande guerra: pacifismo e patriottismo

Quando gli Stati Uniti erano ancora fuori dalla Grande guerra, e si discuteva animatamente se entrarvi o meno, era molto diffusa una canzone pacifista – pubblicata nel gennaio del 1915 e subito diventata un bestseller, forse il bestseller dell’anno. Era l’accorato lamento di una madre, e si chiamava I Didn’t Raise My Boy to Be a Soldier, non ho cresciuto mio figlio per farne un soldato. La musica era di […]

Continue Reading →

I segni di Woodrow Wilson a Pisa

Pubblicato sul sito di Università di Pisa – Unipinews del 29 maggio 2015. Nella bella mostra a Palazzo Blu su I segni della guerra. Pisa, 1915-1918: una città nel primo conflitto mondiale, ci sono anche alcuni segni di Woodrow Wilson. Un paio sono piuttosto noti, ne ha parlato Danilo Barsanti in un suo libretto qualche anno fa. Si tratta della laurea honoris causa in giurisprudenza conferita dall’Università di Pisa al […]

Continue Reading →

Mr. Tsipras va a Washington (due anni fa)

A Washington, e anche New York, il solito giro. E’ il gennaio del 2013. Dalle elezioni del giugno 2012 Syriza è il principale partito di opposizione, i sondaggi lo danno alla pari con Nuova Democrazia, potrebbe vincere le prossime elezioni sempre alle viste nella crisi greca. Alexis Tsipras fa questo viaggio americano per conoscere, farsi conoscere e rassicurare. Nella capitale incontra alti funzionari del governo (del dipartimento di stato e del […]

Continue Reading →

L’insopportabile American Sniper

Patriottico? Anzi, ultra-patriottico? Immagino di sì, se sei un americano patriottico e vedi la storia di un eroe shoot-them-all che fa fuori i nostri crudeli nemici “selvaggi”. E se credi nella favola dell’umanità divisa in pecore, lupi e cani da pastore, una favola che circola da un po’ di tempo nei blog di destra, interpretata in chiave di gun rights e Secondo emendamento. Il resto, le conseguenze, sono per te […]

Continue Reading →