Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

cinema

“Spremi i ricchi”, altro che “tassa i ricchi” (almeno nel film “Soak the Rich” del 1936)

Altro che “Tax the Rich”, in questo film del 1936 il titolo e lo slogan sono Soak the Rich, qualcosa tipo “Spremi i ricchi”. A volere questa infamia, nel film, sono una riforma fiscale del governo federale, un professore di sinistra che la sostiene (e che per questo sta per essere licenziato dall’università privata dove insegna), gli studenti radicali rivoluzionari marxisti che protestano contro il licenziamento, e forse un radicale […]

Continua a leggere →

Contestualizzare il film per il pubblico: Via col vento, Furore, Il seme della violenza

E così se vedrete Via col vento sul canale Turner Classic Movies, sister channel di HBO, avrete da oggi a disposizione una breve e sapiente presentazione che spiega e contestualizza. Breve e sapiente quanto basta, scritta e interpretata da Jacqueline Stewart, docente di cinema studies alla University of Chicago, nonché dal 2019 curatrice (la prima afro-americana) di una serie di film sullo stesso canale. Il video, di quattro minuti e mezzo, è facile […]

Continua a leggere →

Ebbing, Missouri: cartoline da una finta America profonda (attenzione, spoilers)

Com’è che immaginate la vostra tipica small town nel cuore dell’America? Quella di cui sapete tutto perché l’avete vista e letta e abitata in tanti film e romanzi sul lato oscuro, ahimé, del sogno americano (la provincia americana, l’America profonda, insomma quei posti dove votano Trump – questa è la frase du jour)? Quella di cui non sapete niente perché l’avete sorvolata a 30.000 piedi da costa a costa, immersi […]

Continua a leggere →

Hollywood sovietica! (The North Star, 1943)

Quando Hollywood era non solo anti-fascista ma anche filo-sovietica, e naturalmente gli Stati Uniti erano alleati di zio Joe Stalin, si producevano film come The North Star (1943). Senza risparmi. Il cast è stellare, Anne Baxter, Dana Andrews, Walter Huston, Walter Brennan e altri, con la partecipazione straordinaria di Eric von Stroheim nel suo ruolo preferito. E stellari sono i nomi dei confezionatori: Samuel Goldwyn alla produzione, Lewis Milestone alla […]

Continua a leggere →

“Violentate le nostre donne e vi state prendendo il nostro paese”

“I have to do it. You rape our women and you’re taking over our country. And you have to go.” Devo farlo, violentate le nostre donne e vi state prendendo il nostro paese, dovete morire. Secondo un sopravissuto alla strage, questo ha detto Dylann Roof prima di uccidere nove afro-americani (di cui, con tragica incongruenza, sei erano donne) nella chiesa di Charleston in South Carolina. Così l’assassino terrorista bianco ha […]

Continua a leggere →

La marcia Selma-Montgomery, in diretta

Sulla marcia da Selma a Montgomery del marzo 1965, raccontata nel film Selma di Ava DuVernay, c’è questo straordinario documentario prodotto e diretto sul campo da Stefan Sharff. Sono 17 minuti di uno splendido bianco e nero, con un ritmo visuale blues e una emozionante colonna sonora gospel e folk – che, mi sembra di capire, sono stati ritrovati e restaurati solo qualche anno anno fa. Di Stefan Sharff (1920-2003) ho una scarna biografia che fa […]

Continua a leggere →

La verità su Selma

“You’re an activist, I’m a politician”, dice il presidente Johnson a Martin Luther King. Questo è il cuore politico di Selma, il film. E per una volta, grazie alla regista afro-americana Ava DuVernay, il rapporto fra l’attivista e il politico, fra l’outsider e l’insider, è raccontato dal punto di vista del primo e non del secondo. L’attivista agisce e il politico reagisce, e ciò è fruttuoso quando è fruttuoso. Johnson […]

Continua a leggere →

L’insopportabile American Sniper

Patriottico? Anzi, ultra-patriottico? Immagino di sì, se sei un americano patriottico e vedi la storia di un eroe shoot-them-all che fa fuori i nostri crudeli nemici “selvaggi”. E se credi nella favola dell’umanità divisa in pecore, lupi e cani da pastore, una favola che circola da un po’ di tempo nei blog di destra, interpretata in chiave di gun rights e Secondo emendamento. Il resto, le conseguenze, sono per te […]

Continua a leggere →

The Big Lebowski and me

Ho visto la prima volta The Big Lebowski il 6 marzo 1998. Lo so perché c’è scritto su Wikipedia. Cioè, su Wikipedia c’è scritto che quel giorno il film ha aperto negli Stati Uniti, e così sono certo della mia data. Era un venerdì, sarei partito il giorno dopo da New York per l’Italia, e la sera, fatte le valigie, sono sceso al cinema sotto casa. Il cartellone annunciava l’arrivo […]

Continua a leggere →

Lenin a Manhattan: i Rockefeller e il comunista messicano (1933)

La scena madre è piuttosto nota. Siamo nella primavera del 1933, nell’atrio di uno degli edifici del nuovo Rockefeller Center in costruzione, nel centro di Manhattan. Il celebre pittore comunista messicano Diego Rivera, in città con la moglie Frida Kahlo, vi sta dipingendo una grande parete intitolata “Man at the Crossroads”: l’uomo, l’umanità al crocevia fra scienza moderna e superstizione, fra macchine e fabbriche capitalistiche e utopia socialista, fra ricchi […]

Continua a leggere →