Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

sistema giudiziario

Michael Flynn che parla con i russi? E’ free speech, stupido!

Pubblicato anche su rivistailmulino.it del 6 dicembre 2017 Incontrando l’allora ambasciatore russo a Washington, Sergey Kislyak, alla fine di dicembre 2016, e discutendo con lui di come il governo russo avrebbe potuto o dovuto reagire a certe decisioni del governo americano, Michael Flynn ha commesso un reato? Il presidente era ancora Barack Obama, e Flynn lavorava per conto del transition team del presidente-eletto ma non ancora insediato Donald Trump. Sarebbe […]

Continue Reading →

Trump ha nominato ventisette giudici federali – altro che non far niente

In questi suoi primi duecento giorni da presidente, che sembrano tanto vuoti di successi, una cosa importante Donald Trump l’ha fatta: ha nominato un sacco di giudici federali. Sappiamo tutti del riuscito insediamento di Neil Gorsuch nel seggio della Corte suprema lasciato vacante, un anno fa, dalla morte del giudice conservatore Antonin Scalia. Lo sappiamo perché la lunghissima vacanza è stata uno scandalo politico, con il Senato repubblicano che ha […]

Continue Reading →

Appunti. Le controversie penali americane si concludono quasi tutte con un patteggiamento (efficiente ma sleale)

I processi che si vedono al cinema, in cui l’accusa e la difesa si confrontano pubblicamente in un’aula di tribunale, di fronte a un giudice-arbitro e una giuria imparziale, con le armi delle prove e della retorica persuasiva, sono un’eccezione. Nel sistema penale americano, il 95% delle controversie non raggiunge mai il dibattimento, si conclude piuttosto con un patteggiamento (plea bargaining) che avviene in segreto, a porte chiuse, fra l’accusa […]

Continue Reading →

«A history that doesn’t go away»: Obama, la razza e la storia

L’aveva già detto nel più articolato, complesso, profondo discorso del marzo 2008 – il discorso sulla razza, quello intitolato For a More Perfect Union. Lo ha ripetuto dell’intervento dell’altro giorno, inaspettato ma non improvvisato, nella sala stampa della Casa bianca – l’intervento sul caso di Trayvon Martin, sulla conclusione del processo a George Zimmerman, sulla pena e la rabbia nella comunità afro-americana. Come nel 2008, e più di allora, ha usato l’esempio della sua […]

Continue Reading →

Same-sex marriage & Judeo-Christian morality: ancora sulla sentenza della Corte suprema

I membri del Congresso, o meglio della House of Representatives dove il Defense of Marriage Act del 1996 (DOMA) ebbe origine, andarono probabilmente troppo in là nelle loro giustificazioni della legge stessa – facendosi autogol. Nella difesa del matrimonio etero-sessuale, essi fecero infatti appello a motivazioni non solo giuridiche ma anche morali e quasi-religiose. E si proposero esplicitamente di imporre queste motivazioni agli Stati – al fine di scoraggiarli ad […]

Continue Reading →

La Corte suprema e il same-sex marriage

Questo è il Syllabus, cioè il riassunto, della sentenza della Corte – con alcuni tagli e l’eliminazione delle note e delle quotation marks più tecniche.  Non è parte del testo della sentenza, ma è stato preparato dal Reporter of Decisions per comodità del lettore. Il testo completo dell’opinione di maggioranza e delle dissenting opinions è qui. United States v. Windsor, Executor of the Estate of Spyer, et al. Argued March 27, […]

Continue Reading →

La privacy e le nuove tecnologie (1928)

Le intercettazioni telefoniche – questa novità Roy Olmstead era il re dei bootlegger di Seattle, condannato per contrabbando di alcolici durante il proibizionismo. Le prove decisive erano state raccolte dagli agenti federali con intercettazioni telefoniche. Ma queste prove non avevano valore, dissero i suoi avvocati – perché ottenute illegalmente, cioè senza un mandato del giudice. Erano in violazione del Quarto emendamento della Costituzione, che protegge i cittadini contro “perquisizioni e […]

Continue Reading →

Giudici, procuratori e politicians

Non mi vengono in mente politicians americani che siano ex-magistrati – ma che non ce ne siano non posso giurarci, e su questo chiederei l’aiuto di persone più informate di me. Gli esempi che in genere vengono in mente – be’, quelli sono esempi sbagliati. E naturalmente è opportuno tener conto del fatto che i sistemi giudiziari (al plurale) degli Stati Uniti sono diversi dai nostri. E altrettanto diverso è il sistema […]

Continue Reading →