Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

Guerra

L’uomo in bilico va alla guerra, finalmente (Saul Bellow)

Dal primo romanzo di Saul Bellow, L’uomo in bilico (il titolo originale è Dangling Man, 1944), copio alcuni passaggi delle ultime pagine, e il finale anche in inglese. E’ il diario di un uomo che sta per partire militare negli anni della Seconda guerra mondiale. La traduzione è di Giorgio Monicelli per la cara vecchia Medusa Mondadori (1953), una collana di cui Giorgio, fratello maggiore del regista Mario Monicelli, era […]

Continue Reading →

L’offensiva del Tet in Vietnam, giusto 50 anni fa? Ho Chi Minh e il generale Giap non c’entravano niente

E così, con l’offensiva del Tet, con la grande campagna militare del Vietnam del Nord e dei Vietcong contro sudvietnamiti e americani iniziata il 30 gennaio 1968, fallita militarmente ma di spettacolare successo politico internazionale, il presidente Ho Chi Minh e il comandante in capo della People’s Army, Vo Nguyen Giap, non c’entrano niente. Anzi, erano scettici o contrari. Anzi, furono messi in un angolo e puniti, vittime del loro […]

Continue Reading →

Guerra, l’ombra permanente nella storia americana (Marilyn Young 2012)

In un documento che non riesco a ritrovare ma che è citato nei suoi necrologi, Marilyn Young (1937-2017) ricorda che fin dalla sua infanzia gli Stati Uniti sono stati in guerra – “e le guerre non erano davvero limitate e non erano neanche fredde e in molti posti non sono mai finite, in America latina, in Africa, in tante aree dell’Asia”. Diventata un’autorevole storica delle relazioni internazionali, insegnante prestigiosa alla […]

Continue Reading →

Letture. Il mattatoio di Dresda, 13-15 febbraio 1945

Kurt Vonnegut, Slaughterhouse-Five, 1969  Fra il 13 e il 15 febbraio del 1945 quattro raid aerei alleati, britannici e americani, rasero al suolo Dresda, la bruciarono con bombe incendiarie, uccisero 25.000 persone (la cifra è oggetto di feroci controversie). Sotto le bombe c’erano anche dei prigionieri di guerra americani, alcuni si salvarono perché erano stati rinchiusi in uno dei mattatoi della città. Uno dei salvati era Kurt Vonnegut, che divenne […]

Continue Reading →

John McCain rende onore a un vecchio combattente comunista

Qualche settimana fa è apparso sul New York Times il necrologio di Delmer Berg – l’ultimo combattente ancora in vita della Abraham Lincoln Brigade che negli anni trenta partecipò alla guerra civile spagnola, in difesa della repubblica contro il golpe franchista. Berg aveva la bell’età di 100 anni, aveva fatto l’operaio e il sindacalista, l’attivista per i diritti civili e contro la guerra in Vietnam. E soprattutto, come molti dei […]

Continue Reading →

Sketch della fine di una guerra (aprile 1865)

I fotografi di guerra c’erano già, durante la Guerra civile americana, ma per qualche motivo non erano presenti al suo principale atto finale. Non ce n’era neanche uno ad Appomattox Courthouse, in Virginia, quando il 9 aprile 1865 – centocinquanta anni fa – il generale confederato Robert E. Lee firmò la resa delle sue truppe nelle mani di Ulysses Grant. C’era però un esperto disegnatore di origine inglese, Alfred Waud, […]

Continue Reading →

Obama va alla guerra: scetticismi liberal e critiche da sinistra

Pubblico qui le reazioni scettiche, in effetti ostili, di alcuni periodici e opinionisti left-liberal e radical americani al discorso di Barack Obama del 10 settembre – il discorso in cui ha delineato la strategia di guerra contro l’ISIS. C’è delusione per le decisioni del presidente, con l’accusa di aver tradito i suoi stessi principi, le sue promesse. E c’è il timore del ritorno dei fantasmi del passato, di George W. […]

Continue Reading →

Obama e ISIL: “Non abbiamo ancora un strategia”?

E’ stata la gaffe perfetta, quando Barack Obama ha detto l’altro giorno in conferenza stampa “We don’t have a strategy yet”. Parlava di Iraq e Siria e ISIL, e ha detto “Non abbiamo ancora un strategia”. E’ stata la gaffe perfetta perché ha confermato il pregiudizio che è nella testa di molte persone, e cioè che il presidente non abbia una strategia per niente e su niente in politica estera: ed […]

Continue Reading →

Sparare in aria per festeggiare: ciò che va su, poi deve tornare giù

Associated Press. Tuesday August 26, 2014. In Gaza City, a 20-year-old woman was killed and several dozen people were wounded by celebratory gunfire after the truce was announced. Vedendo persone festeggianti di spirito guerriero sparare in aria, magari con armi automatiche, per celebrare una qualche vittoria, mi sono sempre chiesto: ma i proiettili, una volta arrivati su, poi tornano anche giù? E giù dove? Le risposte sono facili, basta fare una […]

Continue Reading →

La Grande Guerra a Radio3: Gli Stati Uniti

Radio3: La Grande Guerra | Sogni e macerie di un secolo fa.  Un programma di Federica Barozzi, Lorenzo Pavolini e Alessandra Tarquini. Letture di Diego Sepe e Corinna Lo Castro. Dal 30 giugno al 25 luglio dal lunedì al venerdì dalle 13.00 alle 13.45  Lunedì 21 luglio, Addio alle armi (podcast). Puntata dedicata all’intervento americano, sotto il segno di Hemingway e delle tante testimonianze letterarie; ospiti Arnaldo Testi, Giorgio Mariani e Luca Briasco. […]

Continue Reading →