Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

All’alba della women’s history

lerner

Poco più di quarant’anni fa, nel 1972, nasceva il primo programma di Master in Women’s Studies degli Stati Uniti. Ciò avvenne, con l’aiuto finanziario della Rockefeller Foundation, al Sarah Lawrence College: un liberal arts college non lontano da New York, piccolo, prestigioso, privato, costoso e progressista, che fino a pochi anni prima era stato esclusivamente femminile. Ispiratrice e co-director dell’esperimento era Gerda Lerner, una delle madri fondatrici della storia delle donne nel paese.

Schermata 2015-03-07 a 15.20.47Gerda Lerner (nata Gerda Hedwig Kronstein, 1920-2013), che ha poi insegnato a lungo alla University of Wisconsin a Madison, è stata una storica prolifica e una organizzatrice instancabile. Con una vicenda personale straordinaria alle spalle (ebrea viennese, resistente anzi-nazista, fuggita in America nel 1939, vicina al partito comunista americano, scrittrice e poeta, attivista femminista), cominciò a occuparsi di women’s history negli anni Sessanta. Un’impresa, all’inizio, piuttosto solitaria.

Un ritaglio del New York Times del 1962 (qui a fianco) ci ricorda come allora la storia delle donne fosse intesa dalla stessa Lerner come storia della lotta per i diritti, storia di leader, di “grandi donne”. Un articolo più impegnativo del 1973 sul nuovo programma a Sarah Lawrence, di cui traduco (qui sotto) alcuni passaggi, segnala i cambiamenti avvenuti nei dieci anni trascorsi. E trasmette un po’ del sapore pionieristico dell’impresa – il sapore delle cose che accadono per la prima volta.

“Siamo impegnate in una genuina e profonda rivoluzione intellettuale”, dice la Dr. Gerda Lerner, una delle co-directors del programma. Dr. Lerner, che ha preso il PhD in storia alla Columbia University, ha insegnato storia sociale americana “standard” a Sarah Lawrence dal 1968. E’ stata testimone diretta di un pezzo di questa rivoluzione.

Nel 1963, un corso in storia delle donne che si era offerta di insegnare alla New School [for Social Research di Manhattan] era stato cancellato perché non aveva raggiunto il numero minimo di studenti iscritti, cioè dieci. Il numero degli storici di professione interessati alla disciplina, dice Lerner, era così piccolo che “avrebbero potuto entrare comodamente in una cabina telefonica”.

L’anno scorso, Dr. Lerner ha organizzato sei panels sulla storia delle donne al congresso annuale della American Historical Association, e le aule erano strapiene. In questi pochi anni, dice, la nuova disciplina è diventata sempre più sofisticata e rigorosa. “All’inizio era soprattutto storia compensatoria, cercava di scoprire le donne che erano state lasciate fuori dai libri di storia”, dice Lerner. “Ora cominciamo a porre questioni come, quale è il sistema di valori con cui si giudica e categorizza il passato? Quali cose sono importanti per le donne? E’ diventato un attacco frontale a ciò che abbiamo sempre ritenuto una verità storica scontata”.

[…] Le docenti che insegnano quest’anno nel programma di Women’s Studies dicono che, inevitabilmente, cambierà anche il loro approccio ai corsi di studio “normali”. Joan Gadol [l’altra co-director del programma] dice che dovrà riorganizzare completamente il suo corso di storia del Rinascimento, l’anno prossimo. “E’ stata una esperienza intellettuale enorme”, dice. “Ho insegnato storia per dieci anni e ora, improvvisamente, vedo delle connessioni che non avevo mai visto prima”.

(Linda Greenhouse, A Graduate Program Sets Out to Find History’s Women, The New York Times, March 20, 1973.)

Categories: insegnare, storiografia

Tags: , , , , ,

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s