Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

L’Africa e la diaspora africana alla Biennale di Venezia (appunti personali).

05 Kahlil 1Alla fine della fiera, nella gran fiera della Biennale di Venezia, dove a un certo punto subisci anche l’effetto supermarket, e diventi distratto e un po’ infastidito da cianfrusaglie che ti sembrano stupide e non necessarie, e vorresti uscire alla svelta, o almeno a me succede così, finisce che l’attenzione ti si agganci a un filo, un filo per non perderti.

Il mio filo, a un certo punto, senza che me ne accorgessi davvero, è stato quello degli artisti africani e della diaspora africana fino agli africani-americani. Sarà perché almeno di questi ultimi già sapevo qualcosa, alcuni nomi non mi erano ignoti, e quindi il mio interesse era sveglio (uno scultore nero occupa l’intero padiglione ufficiale degli Stati Uniti sotto il titolo “Liberty/Libertà”). Sarà perché tutti loro, uomini e donne, sono obiettivamente interessanti, hanno cose da dire, storie da raccontare.

O così sembra a me (e non sono affatto un terzo-mondista, neanche loro lo sono del tutto, spesso hanno l’inevitabile sguardo londinese o newyorkese, vivendo a Londra o New York). Qui sotto metto alcuni appunti fotografici personali, e comunque – mica li ho visti tutti, mica mi sono accorto di tutti.

Ah già, dimenticavo, il tema generale della Biennale è “May You Live in Interesting Times” – speriamo bene.

01 Akomfrah

John Akomfrah (Accra, Ghana; London), “The Elephant in the Room – Four Nocturnes”, 2019, video.

02 Lynette

Lynette Yiadom-Boakye (London, of Ghanaian descent), “Just Amongst Ourselves”, 2019.

03 Muholi

Zanele Muholi (South Africa), “Somnyama Ngonyama: Hail the Dark Lioness”, 2012-in corso.

04 Strachan 2

Tavares Strachan (Bahamas; New York), “Robert Henry Lawrence Jr.”, 2018 (“no coons on the moon”).

05 Kahlil 1

Kahlil Joseph (Los Angeles), “BLKNWS”, 2018-in corso, video.

06 Kahlil 2

Kahlil Joseph (Los Angeles), “BLKNWS”, 2018-in corso, video.

07 Taylor 2

Henry Taylor (Los Angeles), “Remember the Revolution #1”, 2004.

08 Taylor

Henry Taylor (Los Angeles), “Hammons Meets a Hyena on Holiday”, 2016.

09 Puryear 1

Martin Puryear (U.S. Pavilion), “A Column for Sally Hemings”, 2019.

10 Puryear 2

Martin Puryear (U.S. Pavilion), “Big Phrygian”, 2010-2014.

12 Cosmos 2

Cosmas Shiridzinomwa (Harare, Zimbabwe), “Violent Discussions”, 2019.

11 Cosmos 1

Cosmas Shiridzinomwa (Harare, Zimbabwe), “Fruitless Discussions”, 2013.

Categorie:cultura di massa

Tag:, , , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...