Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

Plunkitt contro i dilettanti della politica

01. George Washington Plunkitt copia 2

Un’altra delle riflessioni dell’ex-senatore George Washington Plunkitt, il filosofo di Tammany Hall, pronunciate dalla sua tribuna – il chiostro di lustrascarpe del tribunale di contea di New York. Tratta da Plunkitt di Tammany Hall (1905).

I riformatori sono fiorellini che durano un mattino

I professori universitari e i filosofi che per pensare salgono in mongolfiera stanno sempre a discutere la questione: “Perché le amministrazioni riformatrici non sono mai rielette!” La ragione è chiara a chiunque abbia imparato l’abc della politica.

Non so proprio quanti di questi movimenti ho visto nascere a New York nei miei quarant’anni di carriera politica, ma so dirvi quanti sono durati più di qualche anno – neanche uno. Ci sono stati comitati per la riforma della politica di tutti i tipi, comitati dei cinquanta, dei sessanta, dei settanta, dei cento e di tanti altri numeri, che sono nati per rimettere a posto le organizzazioni politiche regolari. Sono tutti durati lo spazio d’un mattino – avevano l’aspetto di fiorellini deliziosi al primo sole e poi appassivano alla svelta, mentre gli apparati regolari continuavano a crescere rigogliosi ed eterni, come imponenti vecchie querce. Ehi, questa è la prima volta che faccio della poesia. Che ne dite? […]

Il fatto è che un riformatore non può durare in politica. Magari per un po’ è capace di allestire un bello spettacolo, ma alla fine viene sempre giù come un razzo spento. La politica è un’attività come un’altra, come quella del droghiere o del merciaio o del farmacista. Bisogna aver imparato il mestiere, altrimenti è sicuro che si fallisce. Supponiamo che un uomo che non sa niente del mestiere di droghiere decida improvvisamente di mettersi in affari in quel campo e di condurli a modo suo. Non combinerà un gran pasticcio? Magari si darà delle arie per un po’, finché gli durano i quattrini, ma alla fine si troverà con un negozio vuoto. E’ proprio quello che succede a un riformatore. Non è stato addestrato al difficile lavoro della politica e non fa altro che combinare dei pasticci.

Ho studiato il gioco della politica per quarantacinque anni, e non lo conosco ancora bene. Imparo ogni giorno qualcosa di nuovo. E allora, come potete pretendere che quei cosiddetti “uomini d’affari” si trasformino tutto d’un tratto in politici e facciano buona riuscita? Sarebbe come se io andassi su alla Columbia University e mi mettessi a insegnare greco. I riformatori durano normalmente in politica quanto io durerei alla Columbia.

Dovete cominciare prestissimo in politica, se volete riuscire. Io ho cominciato parecchi anni prima di avere l’età del voto, e così hanno fatto tutti i leader di successo di Tammany Hall. Quando avevo dodici anni cercavo di rendermi utile al quartier generale della mia circoscrizione, e il giorno delle elezioni lavoravo ai seggi. Poi, ho cominciato a darmi da fare per portare alle urne gli elettori che si erano presi una sbornia o che erano troppo pigri per andarci da soli. Ci sono centinaia di modi per i ragazzi di dare una mano e farsi un’esperienza, che è il primo vero passo per diventare statisti. Mostratemi un ragazzo che si dà da fare per l’organizzazione il giorno delle elezioni, e vi mostrerò un futuro statista.

Questo è l’abc della politica. Non è un lavoro facile arrivare alla ipsilon e alla zeta. Dovete dedicarci quasi tutto il vostro tempo e la vostra attenzione. Naturalmente, potete anche avere qualche attività o occupazione collaterale, ma, se volete riuscire, la vera attività importante della vostra vita deve essere la politica. […] Capite ora perché un riformatore finisce al tappeto al primo o al secondo round, mentre un uomo politico è pronto a riprendere il combattimento ogni volta che suona il gong? E’ perché il primo è salito sul ring senza allenamento, mentre l’altro si allena in continuazione e conosce tutti i più minuscoli dettagli del gioco.

Low vs Tammany 1903 copia

Categories: Elezioni, partiti

Tags: , , , , ,

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s