Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

In guerra con i monumenti agli eroi confederati? Un artista nero americano a Venezia

Alla Fondazione Cini a Venezia, come evento collaterale della Biennale d’arte che si apre in questi giorni, c’è la mostra “Kehinde Wiley: An Archeology of Silence”. Kehinde Wiley è un artista afro-americano nato a Los Angeles, figlio di un immigrato nigeriano, diventato notissimo presso il largo pubblico per aver dipinto il ritratto ufficiale di Barack Obama, una commissione per conto della National Portrait Gallery di Washington. Il ritratto è informale […]

Continua a leggere →

Lezioni vietnamite per Kiev e lezioni americane per la Russia

La domanda posta da Daniele Archibugi qui sul Manifesto, “Lezioni vietnamite per Kiev”, è importante. Perché gli ucraini non fanno come fecero i dirigenti nordvietnamiti mezzo secolo fa? Perché non cercano alleati alla loro causa nell’opinione pubblica del paese aggressore (allora gli Stati Uniti, oggi la Russia)? Come altri della mia generazione, quella che aveva vent’anni ai tempi dell’offensiva del Tet e del processo ai Chicago 7, è da settimane […]

Continua a leggere →

L’America, la Russia, l’Ucraina e anche il Sud Globale: brevi appunti di lettura

Alcune letture pasquali dal Washington Post, per mettere in fila qualche appunto su – be’, che cos’altro? America, Russia, Ucraina e persino il Sud Globale. Dunque, dice Dan Balz, sia Zelensky che Biden hanno usato la strategia retorica dell’indignazione morale, sollevando lo scandalo dell’aggressione, delle vittime civili, dei crimini di guerra, della natura e della legittimità del regime russo. Nel caso di Zelensky è chiaro lo scopo politico e anche […]

Continua a leggere →

Con la guerra di Putin, per gli americani la Russia è diventata il nemico 

Seguendo una segnalazione della preziosa trasmissione domenicale di Radio Radicale, Media e dintorni, sono andato a vedermi una recentissima indagine del prezioso Pew Research Center – che ha indagato sul mutare degli atteggiamenti degli americani nei confronti della Russia. L’indagine, consultabile qui, è stata condotta nei giorni 21-27 marzo nell’ambito dell’American Trends Panel e ha riguardato 3.581 persone che hanno risposto a domande in inglese o spagnolo. Come è evidente […]

Continua a leggere →

Appunti. Su Stalin, Potsdam e la bomba anglo-americana: testimonianze e una timeline

Appunti. Su Stalin, Potsdam e le prime e uniche bombe atomiche mai usate, quelle anglo-americane sul Giappone: testimonianze, e una timeline. Durante la Conferenza di Potsdam (17 luglio-2 agosto 1945), Truman fu informato che il test della prima bomba atomica anglo-americana, il 16 luglio ad Alamogordo, aveva avuto successo. Dirlo anche a Stalin? Gli inglesi e gli americani decisero di dirglielo informalmente, lo fece Truman dopo la conclusione di una […]

Continua a leggere →

Immagini contese, né innocenti né neutrali

Pubblico alcuni passaggi iniziali del nuovissimo libro di Germano Maifreda, Immagini contese. Storia politica delle figure dal Rinascimento alla cancel culture, Feltrinelli, 2022; per la precisione, dalle pagine 9-11 e 13. Mi piace pubblicarli, cortesia dell’autore, perché presentano in maniera per me molto nitida una questione su cui nel dibattito pubblico si fa una gran confusione. Come i discorsi, anche le forme che ci sono state consegnate dal passato — e […]

Continua a leggere →

Dall’11 settembre al 6 gennaio: appunti sull’urgenza di una crisi 

A poco più di vent’anni dall’11 settembre 2001, è difficile immaginare la società e la politica americana d’inizio secolo prescindendo da quello shock terribile, che ha brevemente unito i cittadini e poi ne ha acuito le divergenze. A un anno di distanza dal 6 gennaio 2021 è altrettanto difficile non ripensare quelle vicende ormai di lungo periodo, e le prospettive di più breve e immediato periodo, alla luce del nuovo […]

Continua a leggere →

Podcast #7. Kurt Vonnegut, la democrazia in America e la sua esportazione

Ma che arroganza! – diceva Kurt Vonnegut. Che cosa volete che ci sia da esportare? La democrazia? In Iraq? Qualcosa che da sempre scarseggia anche da noi? Il che, forse, per lo scrittore americano, era un modo un po’ troppo facile di cavarsela. Partendo da alcune sue battute, una breve riflessione sulla democrazia in America e sulla sua storia, nonché sull’illusione e la realtà della diffusione della democrazia al di […]

Continua a leggere →

Proibito! I Puritani (del Seicento) contro il Natale

I Puritani americani, quelli veri, quelli del Seicento, non quelli di oggi che non esistono, sono solo una scolorita e superficiale metafora di chi ripete stereotipi, in un paese che nel suo complesso non ha mai avuto nulla di puritano, e che anche là dove lo fu non lo è più da secoli, da prima della rivoluzione, e che sta diventando sempre più cattolico semmai – ecco, i Puritani del […]

Continua a leggere →

Quando l’Europa ci rubò il Natale: uno scandalo inventato (appunti da Facebook)

Compagni calma e gesso! La Commissione europea non ha abolito il Natale, e neanche gli auguri di Natale. La commissaria competente ha solo suggerito delle linee-guida interne per i propri funzionari impegnati nella comunicazione istituzionale. Roba di buona educazione nell’uso del linguaggio, quando ci si rivolge a un pubblico con tante diversità in modo che tutti possano sentirsi a casa, non ignorati o esclusi. E’ un lavoro che fanno tutte le istituzioni, in particolare […]

Continua a leggere →