Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

Dove vai, America? Intervista ad Arnaldo Testi (Parte I)

Pubblicato il 19 ottobre 2020 su Contrappunto (qui), il blog della Libreria Pellegrini a Pisa. Il prossimo 3 novembre si terranno le elezioni presidenziali negli Stati Uniti… Arnaldo Testi, per lungo tempo Professore di Storia degli Stati Uniti d’America qui a Pisa, ha accettato di approfondire per Contrappunto alcuni temi caldi inerenti la Presidenza Trump e la prossima importante scadenza elettorale che, come per ogni passata elezione, non mancherà di avere […]

Continua a leggere →

L’impegnativo editoriale di oggi del New York Times

When, in the course of human events, it becomes necessary for one people… To prove this, let facts be submitted to a candid world. Mr. Trump’s ruinous tenure already has gravely damaged the United States at home and around the world. He has abused the power of his office and denied the legitimacy of his political opponents, shattering the norms that have bound the nation together for generations. He has […]

Continua a leggere →

Amy Coney Barrett ha ragione (a proposito del giudice Roberts e Obamacare)

Non ho tempo (e neanche voglia) di spiegare tutto per bene, in semplice italiano, il testo, il contesto e le implicazioni che tutto ciò potrebbe avere. Mi limito a sottolineare che Amy Coney Barrett ha ragione nella sua analisi critica della sentenza del 2012, scritta dal Chief Justice John Roberts, che ha salvato la costituzionalità di Obamacare (cioè l’Affordable Care Act o ACA). Una analisi che ha fatto, un po’ […]

Continua a leggere →

La costruzione dell’elettorato democratico nell’America del primo Ottocento (chi è dentro e chi è fuori: un libro di storia)

Il testo è basato su una scheda recensione preparata per la Rivista di storia politica, numero 1 del 2021. Il libro è David A. Bateman, Disenfranchising Democracy. Construction of the Electorate in the United States, the United Kingdom, and France (Cambridge University Press, 2018). Il paradosso è evidente e subito esplicitato dall’autore stesso, un giovane e brillante docente oggi a Cornell University, in quel Department of Government che è uno dei […]

Continua a leggere →

America Anno Zero (Fondazione Feltrinelli): intervista ad Arnaldo Testi / Il sistema elettorale

Intervista video del 29 settembre 2020 (qui) pubblicata su America Anno Zero, rubrica editoriale de La Nostra città futura (Fondazione Giangiacomo Feltrinelli), dedicata alle elezioni statunitensi. Secondo alcuni scienziati politici, la democrazia è quel sistema politico che consentirebbe un passaggio “pacifico” del potere, regolandone i tempi e le modalità. Eppure, il dibattito politico sul voto nelle elezioni USA sembra andare in tutt’altra direzione. Da una parte, il Presidente uscente e candidato repubblicano Donald J. Trump, […]

Continua a leggere →

What if… Se il candidato presidenziale viene a mancare, un po’ o del tutto? Il partito conta

I casi possono essere, con qualche semplificazione, due (la vita vera è poi assai più varia). Che cosa succede se il candidato presidenziale, per esempio il presidente in carica Trump, viene a mancare, diventa incapace perché malato grave, o peggio muore, prima delle elezioni – oppure se ciò accade subito dopo le elezioni al candidato risultato vincitore (se accade al candidato perdente, non importa a nessuno, e buona notte al […]

Continua a leggere →

Terms of endearment (vezzeggiativi)

A usare i titoli dell’ufficialità istituzionale, Mr. President e Mr. Vice President, nel rivolgersi direttamente alle persone è in pratica solo il moderatore Chris Wallace (che ogni tanto osa dire anche gentlemen). Da parte dei litiganti, all’inizio della rissa, ci sono due eccezioni di Joe Biden (tipo “No, no. Mr. President–[crosstalk 00:24:05]”), un po’ come se la parola gli scappasse in automatico, per antica abitudine, ma poi subito sparisse dal suo vocabolario, dati i chiari […]

Continua a leggere →

La Corte suprema (cattolica) degli Stati Uniti / 2

Entrambe le candidate più accreditate a succedere a Ruth Bader Ginsburg, di religione ebraica, sono giuriste e magistrate cattoliche. Se il presidente Trump nominerà davvero una di loro due, Amy Coney Barrett o Barbara Lagoa, la scelta rafforzerà ulteriormente la presenza cattolica nell’istituzione del governo federale in cui i cattolici sono più forti, anzi proprio dominanti, la Corte suprema appunto.  Ben 5 dei supremi giudici attualmente in carica sono cattolici, […]

Continua a leggere →

Dopo Ginsburg. La Corte suprema, tra riforma e conflitto politico

Pubblicato su treccani.it per @AtlanteUSA2020 del 22 settembre 2020 Se, in sostituzione di Ruth Bader Ginsburg (RBG), i repubblicani e Donald Trump riuscissero a nominare un nuovo giudice entro la fine della legislatura – una ipotesi realistica, sia pure in piena stagione elettorale (molti americani già votano) e in un clima ancor più (se possibile) avvelenato –, e se dalle urne del prossimo novembre uscissero un presidente Joe Biden e un Senato a […]

Continua a leggere →

Jazz band (piccola storia personale in black & white)

Joyce Marie fu l‘ultima che conobbi del gruppo. Suonò alla porta, scesi ad aprire e rimasi incantato, ancora oggi lo sono quando ci penso. La pelle nera luminosa, il leggero abito azzurro, il sorriso abbagliante – e la voce, la voce, basti dire che era la voce della minuscola jazz band di cui avrei giocato anch’io a fare il groupie. Joyce Marie era il sogno africano di noi maschi di […]

Continua a leggere →