Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

La bandiera dell’indipendenza catalana, bandiera americana

Estelada_blava.svg

Pubblicato anche su ytali.com del 1 ottobre 2017.

La bandiera dell’indipendenza catalana, quella raffigurata qui sopra – un rettangolo con quattro strisce rosse alternate a cinque strisce gialle, la “Senyera”, simbolo tradizionale della Catalogna, con l’aggiunta della novità più aggressiva, il triangolo blu contenente la stella bianca a cinque punte – è figlia delle bandiere indipendentiste americane di Cuba e Puerto Rico, e quindi nipote del più vecchio vessillo dell’indipendenza nelle Americhe, quello degli Stati Uniti. Non si dovrebbe fare molta fatica a capirlo, basta guardarla, la cosiddetta “Estelada”, la bandiera stellata, con la sua stella e le sue strisce. E tuttavia per esserne certo ho fatto qualche rapida ricerca, niente di straordinario, mi sono limitato a Wikipedia in inglese e spagnolo e poco più.

E dunque sì: la Estelada discende dalla Stars and Stripes.

La bandiera nasce a Cuba alla fine dell’Ottocento, negli ambienti catalanisti che crescono nell’isola quando ancora è parte dell’impero spagnolo. Concentrati soprattutto a Santiago, seguono con interesse la guerra d’indipendenza cubana e i suoi (problematici) successi dopo l’intervento degli Stati Uniti nel 1898. E pensano alla loro, di indipendenza. Dopo la Prima guerra mondiale, a cui parecchi partecipano da volontari nell’esercito francese con una bandiera in cui la stella c’è, ma al centro del rettangolo a strisce rosse e gialle, la rivendicano esplicitamente. La bandiera odierna è formalmente adottata nel 1928 da una Assemblea Costituente del separatismo catalano, riunitasi sempre a Cuba per far valere le sue ragioni con la Società delle nazioni.

800px-Flag_of_Cuba.svg

Flag of Cuba

Il modello della Estelada nata a Cuba è senza dubbio quello della bandiera cubana, creata nel 1849 dai primi ribelli dell’isola, poi usata in vari tentativi di insurrezione popolare nel resto del secolo e infine adottata dalla nuova repubblica nel 1902. La bandiera cubana, a sua volta, ha generato quella di Puerto Rico, creata nel 1895 e adottata ufficialmente solo nel 1952. Entrambe hanno alle spalle un pedigree molto yankee. Sono dichiaratamente ricalcate, nel loro disegno, sul vessillo nordamericano. E sono disegnate in epoche diverse ma nello stesso luogo, a New York, e da persone simili, cioè da rivoluzionari patrioti in fuga dalle polizie dei loro paesi d’origine che in città trovano rifugio. New York City è un sicuro rifugio in cui tessere trame indipendentiste e nuove bandiere.

900px-Flag_of_Puerto_Rico_(1952-1995).svg

Flag of Puerto Rico

La Estelada è associata alla Stars and Stripes fin dalle sue prime apparizioni sulla scena internazionale, per ragioni legate alle speranze wilsoniane di auto-determinazione dei popoli. Compare per la prima volta nella sua forma attuale nel 1918 in una fotografia su L’intransigent, il periodico barcellonese della gioventù nazionalista. La foto mostra giovani catalani e statunitensi in gita fuori città, ciascun gruppo con la sua bandiera. Il titolo è “Catalunya i Estats Units”. In un volantino in inglese di quello stesso anno, datato 11 settembre e promosso dal Comité Pro Catalunya, di nuovo le due bandiere si fanno compagnia. E qui c’è l’appello a una revisione dei confini in nome dei principi di nazionalità dei Quattordici punti di Wilson. E quindi “Glory to Wilson!”.

Primera-estelada-1918

Categories: Cultura politica

Tags: , , , , ,

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s