Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

Appunti. Salgono anche i salari, in vista delle elezioni di medio termine?

CGA22SXOWEI6PFPD57ZIJZY4RU

Gli indicatori economici americani sono buoni. Il Pil cresce sopra al 4% su base annua. Secondo un recente rapporto del Bureau of Labor Statistics (BLS) del ministero del lavoro, anche in agosto l’occupazione non-agricola è cresciuta di 200.000 unità. Il tasso di disoccupazione è al 3,9%, uno dei livelli più bassi dell’ultimo mezzo secolo. Un tasso più realistico, che tenga conto dei lavoratori scoraggiati che sono usciti dal mercato e di quelli part-time che preferirebbero un posto full-time, sale al 7,4%. E tuttavia nel primo semestre di quest’anno 780.000 part-timers sono diventati full-timers.

Schermata 2018-09-09 alle 21.53.50

Ma soprattutto, e questa è la vera novità, sembra che anche i salari comincino a salire, in agosto un più 2,9% rispetto a un anno fa. Una bavetta di vento, ma almeno positiva – dopo decenni di stagnazione. Prodotta, sembra di capire, da un mercato del lavoro competitivo, dove l’esercito di riserva dei disoccupati, in particolare per gli skilled jobs, si è prosciugato. Si discute di quali siano i settori più toccati dagli aumenti, quanto siano reali in rapporto all’inflazione. Ma ci sono. La Casa bianca di Trump sostiene che secondo i suoi calcoli sono anche più generosi di quelli che traspaiono dalle statistiche del BLS.

2300

In genere, una buona congiuntura economica favorisce il partito al governo, che può vantarsi di aver fatto un buon lavoro (che sia davvero merito suo, o del governo precedente, o della divina provvidenza, è irrilevante). Dunque, alle elezioni congressuali di medio termine dovrebbe favorire i repubblicani, più precisamente i repubblicani trumpiani. D’altra parte, se la situazione l’economica è più tranquillizzante, se gli elettori sono meno nervosi o preoccupati, soprattutto gli elettori repubblicani marginali (non zoccolo duro) che nel 2016 hanno scelto Trump – saranno ancora nel mood di votare per candidati endorsed da un presidente così perennemente arrabbiato?

Categories: Elezioni

Tags: , , ,

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s