Short Cuts America: il blog di Arnaldo Testi

Politica e storia degli Stati Uniti

Una fotografia iconica

Q_R5ChVKlRml3tKGh9ARAHgJb6qLaGEV3ksxOboCjEO1K50dawLG9x9kdCr5tkN06IrxogOqBwBmOB63NRTyk2GeszRpWg_1xMGl6qTSyM7jz_IkfzWp4TOyzIjgiocP

Facebook mi ha ricordato che il 10 luglio del 2016 avevo postato questa fotografia diventata subito virale, un’immagine iconica del movimento Black Lives Matter. Come dimenticarla? Il contrasto fra i due poliziotti in maschia e pesante riot gear che, nella foto, sembrano aggredire la giovane donna nera, e la sua slanciata figura femminile, il vestito arioso e leggero, la calma vulnerabile e insieme statuesque, è irresistibile. Il conflitto fra la violenza dello stato militarizzato (e un po’ alieno) e la superiore moralità e bellezza di chi protesta, è rappresentato in maniera scandalosa e bellissima. Per chi guarda è un momento sospeso, di possibile imprevedibile trattenuta violenza, un cliffhanger si direbbe al cinema: cosa sta per succedere?

Siamo a Baton Rouge, la capitale della Louisiana, e sono in corso proteste perché qualche giorno prima la polizia ha ucciso un cittadino afro-americano, Alton Sterling,  in uno di quegli incidenti che iniziano per futili motivi e finiscono nel modo che sappiamo. Nel frattempo un analogo incidente letale è avvenuto a St, Paul, in Minnesota, la vittima è Philando Castile. Sabato 9 luglio, di fronte alla stazione di polizia di Baton Rouge, c’è una manifestazione non autorizzata che blocca la strada; migliaia di persone dicono i giornali nazionali, con il solito uso distratto dei numeri, due o trecento persone dicono le fonti locali. Gli agenti escono e intimano di sgomberare, ci si guarda negli occhi per qualche momento e poi la la gente se ne va, qualcuno si trattiene a insultare e a dare il dito. E infine resta, sola e ferma in mezzo alla via, Ieshia Evans, venuta apposta dalla Pennsylvania per aiutare la causa. Ha deciso di farsi arrestare e aspetta l’arresto.

Il fotografo dell’agenzia Reuters che fa lo scatto della sua vita, Jonathan Bachman (qui), non fa solo questo scatto dell’evento. Ne fa una serie che è nota ma non così nota, e che ne smonta tutta la tensione drammatica. Come si può vedere dalle fotografie che seguono, la donna è fermata e tranquillamente accompagnata dietro lo sbarramento di polizia, e la cosa finisce lì. Un idillio civico, più che altro.

e9hyHkaRFZdDV_jLZuTS6mI0sxQG3crM1X5zvrxearqPW1rDptExWdx11C03F6gSvDUYMLsaj3XzACXFgBClyA

e9hyHkaRFZdDV_jLZuTS6gqM5jCWpQSVoDaBa4ujPMNG_quyn0dzVqxMvj2RZQ2PdjPQ5CbAqmHgRFKITRwtLQ

e9hyHkaRFZdDV_jLZuTS6jKV2MQFxUTCQuOW_6OG_S25VYvttPRbPN0JDcw3CSQsQ6szTBPDnge5AV_DBvPvKA

e9hyHkaRFZdDV_jLZuTS6s_THSJZ9S3m6qqRtiQKEJIq9Plh0xpjkIWNce_Kil1hKP7QFlsmKB4sjzuUCCTiFQ

Sappiamo che Evans fu arrestata per infrazione stradale, passò una notte in carcere, e divenne una instant celebrity. La fotografia dell’arresto era perfetta per tutti. Ci andò a nozze Black Lives Matter, che ci fece bella figura con l’opinione pubblica generale, e quindi in stragrande maggioranza bianca. Ci andarono  a nozze i media liberal bianchi, così condiscendenti. Ah, le virtù della disobbedienza civile, soprattutto se elegante, coolgood-looking, sexy. In effetti questo messaggio ignorava due cose. La prima è che la stessa Evans affermò (qui) che quell’episodio di resistenza pacifica non rappresentava tutta la sua filosofia, era anche a favore dell’auto-difesa militante, quando necessaria: “mi piacerebbe essere ricordata come una rivoluzionaria”. La seconda è che, volendo, c’erano altre fotografie scattate dallo stesso Bachman che potevano diventare – così iconiche no, missione impossibile per vari motivi – ma altrettanto informative. 

Bachman racconta come stesse facendo fotografie alle prime file dei dimostranti quando la sua attenzione fu richiamata dalla giovane donna sola in mezzo alla strada. Bene, fra i dimostranti che stava fotografando c’erano questi: i militanti del New Black Panther Party (qui anche qui ), venuti anche loro a dare una mano e, come si può ben vedere, vestiti in total black paramilitare e armati e mascherati (siamo nel 2016 eh, a pandemia ancora felicemente ignota). La Lousiana è uno stato open carry, e quindi ciò è del tutto legittimo; per dire, anche Alton Sterling, l’uomo ucciso dagli agenti all’inizio di questa storia, andava in giro con una pistola in tasca. E tuttavia la foto è ovviamente più drammatica e inquietante di quella celeberrima. 

Schermata 2021-07-10 alle 22.23.07

Un’ultima annotazione. Quando le immagini diventano iconiche possono essere studiate e in effetti lo sono per la composizione formale complessiva e la perfezione dei dettagli che ne definiscono la forza comunicativa. In questo caso, l’immagine è studiata dagli stessi protagonisti. Ecco a voi (qui) il fotografo Jonathan Bachman e la fotografata Ieshia Evans che, nel 2017, tengono un seminario su se stessi.

SHUP-170400-VIRAL-02

Le fotografie sono tutte Jonathan Bachman/Reuters, tranne l’ultima che è Andrew Kelly/Reuters

Categorie:Diritti civili, photography

Tag:, , ,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...